Banche: il “prelievo forzoso” diventa legge europea. Ecco cosa cambia col fallimento ordinato

Dall’eccezione alla regola. Avevano detto che le modalità di salvataggio di Cipro non si sarebbero ripetute, ed invece è stata creata un’apposita normativa che nella pratica consente agli Stati dell’Eurozona di ripercorrere esattamente la stessa strada.

Lo aveva preannunciato il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, per poi smentire di getto a causa del panico diffusosi in tutta Europa. Ma era buona la prima : Cipro è diventato un modello.

In settimana è stato firmato l’accordo. Da adesso in poi prima che uno Stato intervenga a salvare una banca, il prezzo sarà pagato dai correntisti e dagli investitori ed ,in molti casi, sarà molto, molto alto.

Sono in molti a pensare che le parole “fallimento ordinato” nascondano in realtà la volontà di codificare a livello comunitario il ben più famoso prelievo forzoso che anche l’Italia ha sperimentato nell’ormai celeberrimo caso del 1992.

L’accordo: dal bail out al bail in

L’accordo siglato nella notte tra giovedì e venerdì dall’Ecofin, il Consiglio di Economia e Finanza, si basa appunto sul meccanismo di salvataggio messo in atto a Cipro per evitare il fantasma default.

Dal bail out, il sistema mediante il quale è lo stato, in caso di falle, a farsi carico della copertura, si passa al bail in, il meccanismo che invece coinvolge in prima battuta i privati (e i loro soldi) e poi, eventualmente, i Governi.

Chi paga?

In caso di default di un istituto di credito i primi a pagare saranno gli azionisti, seguiti dagli obbligazionisti meno assicurati (le obbligazioni subordinate verranno coinvolte nel pagamento) e dai depositi bancari superiori ai 100mila euro, mentre quelli inferiori rimangono garantiti mediante una direttiva europea.

Chi non paga?

Risparmiati dal “prelievo forzoso” saranno invece i possessori di obbligazioni garantite (le ordinarie sono escluse), pensioni e salari dei dipendenti.

Ogni Governo potrà poi decidere se escludere (parzialmente o totalmente) altri soggetti dalla partecipazione al fallimento ordinato.

Quando interviene lo Stato?

L’accordo prevede che il Governo intervenga a salvare la banca utilizzando il denaro pubblico solo dopo che azionisti e creditori avranno pagato l’8% delle passività totali dell’istituto.

Ogni Stato dovrà poi costruire un fondo nazionale che in 10 anni dovrà raggiungere un livello pari ad almeno lo 0,8% dei depositi garantiti non dalle singole banche , ma da tutte le istituzioni creditizie della Nazione, utilizzandolo per il 5% degli attivi.

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Spread btp-bund 10y

139,6

+0,2% 19/01/2018

Potrebbero interessarti

Francesca Caiazzo -

Il 30% degli Italiani sceglie le banche online. Trend in forte crescita

 Il 30% degli Italiani sceglie le banche online. Trend in forte crescita

Commenta

Condividi

Cristiana Gagliarducci

Cristiana Gagliarducci

ieri

La più grande banca europea “ha truffato i suoi clienti”

La più grande banca europea “ha truffato i suoi clienti”

Commenta

Condividi

Cristiana Gagliarducci

Cristiana Gagliarducci

3 giorni fa

Banche italiane in salute, ma attenzione al 2018 - S&P

Banche italiane in salute, ma attenzione al 2018 - S&P

Commenta

Condividi