Aumento stipendi Vigili del Fuoco con il dl Semplificazioni. Quanto spetta?

L’aumento degli stipendi dei Vigili del Fuoco può diventare finalmente realtà grazie alla norma inserita nel dl Semplificazioni. Vediamo quanto spetta, anche se le risorse sono ancora insufficienti.

Aumento stipendi Vigili del Fuoco con il dl Semplificazioni. Quanto spetta?

L’aumento degli stipendi dei Vigili del Fuoco diventa finalmente realtà secondo almeno quanto previsto dal dl Semplificazioni ancora in bozza che è stato approvato “salvo intese”.

Non solo uno snellimento della burocrazia quindi, ma anche un aumento degli stipendi dei Vigili del Fuoco nel nuovo decreto che si cerca di equiparare a quello delle altre Forze dell’Ordine come da anni richiesto. Ma quanto spetta?

Il decreto Semplificazioni stanzia 165 milioni di euro per aumentare gli stipendi dei Vigili del Fuoco ed equipararli a quello delle altre divise, ma in realtà mancherebbero, sebbene la notizia sia stata salutata con favore dai sindacati, 55 milioni di euro per raggiungere il reale obiettivo.

Il provvedimento per l’aumento degli stipendi dei Vigili del Fuoco doveva essere contenuto nel decreto Rilancio, ma è poi sparito così che trova spazio nel dl Semplificazioni.

Aumento stipendi Vigili del Fuoco nel dl Semplificazioni

Aumentano gli stipendi dei Vigili del Fuoco grazie al dl Semplificazioni che però non è ancora in vigore. Sono stati stanziati 165 milioni di euro per equipararli a quelli delle altre forze dell’ordine. Si tratta in verità di 165 milioni già previsti dalla Legge di Bilancio 2020 che vengono pertanto sbloccati.

Un esito che è stato però molto travagliato dal momento che l’emendamento al dl Rilancio inizialmente previsto aveva visto in Commissione Bilancio alla Camera nei giorni scorsi l’opposizione della Lega. Ora trova spazio nel dl Semplificazioni.

I Vigili del Fuoco possono pertanto tirare un sospiro di sollievo sul prossimo aumento degli stipendi che viene alla fine di una battaglia che va avanti da anni. Il fatto che non sia stato approvato l’emendamento al dl Rilancio viene salutato con favore dai sindacati, che ora possono sperare in qualche modifica con l’inserimento nel dl Semplificazione.

Con il testo mancato in Commissione Bilancio non venivano risolti infatti dei punti cruciali come l’incremento dello stipendio dei Vigili del Fuoco con un aumento delle indennità per il lavoro notturno e festivo, che ancora è al di sotto delle altre Forze dell’Ordine.

Ora con i 165 milioni che saranno sbloccati con il dl Semplificazioni si potrà fare un passo per diminuire il gap esistente.

Aumento stipendi Vigili del Fuoco: quanto spetta?

Per sapere quanto spetta con l’aumento degli stipendi dei Vigili del Fuoco occorrerà attendere che le risorse stanziate diventino effettive con il dl Semplificazioni.

Sappiamo come abbiamo anticipato che ci sono 165 milioni di euro, ma ne mancano 55 milioni. Perché? Dai calcoli fatti per equiparare lo stipendio dei Vigili del Fuoco a quello delle altre Forze dell’ordine la spesa da affrontare sarebbe di 220 milioni l’anno una cifra che si raggiunge ora solo in parte.

Una battaglia che da vent’anni i Vigili del Fuoco portano avanti e che al momento prevede solo una prima vittoria. La stessa ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha annunciato i 165 milioni per l’aumento degli stipendi dei Vigili del Fuoco sulla sua pagina Facebook dichiarando:

“Buone notizie per i Vigili del Fuoco. Nel Decreto Semplificazioni abbiamo reintrodotto la norma che assegna 165 milioni di euro per gli aumenti dei loro stipendi, equiparandoli a quelli delle altre Forze dell’Ordine. Una misura di civiltà a sostegno di chi rischia la vita per la nostra sicurezza.”

La Lega, nella persona del senatore del Stefano Candiani, già sottosegretario all’Interno con Salvini nel governo Conte I, ha dichiarato che sosterrà la norma, ma a una condizione:

“Niente pasticci o giochini sottobanco: niente emendamenti che lievitano all’ultimo istante, di nascosto, da una a trenta pagine, come hanno tentato maldestramente di fare i 5Stelle in Commissione Bilancio alla Camera, tenendo allo scuro delle scelte di ripartizione dei 165milioni anche sindacati dei Vigili del fuoco. Le scelte di ripartizione dei fondi tra personale operativo e non operativo dei Vigili del fuoco devono avvenire alla luce del sole, senza colpi di mano.”

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories