Analisi rame: strategie short puntano su un livello storico

Il derivato sul metallo industriale continua a perdere terreno avvicinandosi su di un livello dinamico di lungo periodo. Ecco le strategie operative secondo l’analisi tecnica

Analisi rame: strategie short puntano su un livello storico

Le quotazioni del future sul rame continuano a perdere terreno a seguito della figura di doppio massimo che si è sviluppata tra febbraio e aprile 2019.

Dal 17 aprile scorso, infatti, i corsi hanno messo a segno un ampio movimento discendente che ha portato i prezzi, nel giro di poco più di un mese, ai valori registrati da gennaio 2019.


Rame future, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

A determinare il cambio di polarizzazione dei corsi è stata la violazione del livello dinamico discendente che collega i massimi registrati a settembre e novembre 2018 e testato successivamente nel mese di marzo.

Successivamente i corsi ha intersecato al ribasso anche la media mobile semplice a 200 periodi durante la prima decade di maggio per poi effettuare il pullback della stessa e proseguire nuovamente al ribasso. A delimitare il forte impulso ribassista la trendline discendente che parte dal top registrato il 17 aprile, ora transitante a 2,651 dollari.

La struttura tecnica del rame farebbe privilegiare strategie di matrice ribassista con una rottura dei minimi segnati ieri a 2,621 dollari. Tuttavia vi è un elemento supportivo di lunghissimo periodo che potrebbe ostacolare un ulteriore discesa dei prezzi: la trendline ascendente che conta i minimi segnati a maggio 2017 con i low registrati il 3 gennaio 2019, ora transitante a 2,567 dollari.

Insieme a questo elemento tecnico vi è anche un altro livello statico a 2,584 dollari, lasciato in eredità dai minimi segnati ad agosto e settembre 2018.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Rame future


Elaborazione Ufficio studi di Money.it

Vista la struttura tecnica del future sul rame si potrebbero privilegiare strategie short che puntano ai livelli supportivi precedentemente menzionati. A determinare le vendite sarebbe la rottura dei minimi di ieri a 2,621 dollari. Lo stop loss potrebbe essere posizionato sul livello del 50% del corpo della barra di ieri, più precisamente a 2,645 dollari. Un primo obiettivo di profitto potrebbe essere collocato a 2,584 dollari e il successivo a 2,567 dollari.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Analisi tecnica

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.