Analisi forex: Eur/Usd, pullback a 1,20 nuova occasione per ingressi short?

Terza seduta di recovery per le quotazioni Eur/Usd. L’estensione del mini-trend rialzista in atto potrebbe prevedere un’ulteriore gamba verso l’ex supporto statico a 1,2165 dollari

I dati intraday e in tempo reale del Grafico EUR/USD sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC.

Quest’oggi prosegue il recovery delle quotazioni Eur/Usd in direzione dell’ex supporto statico e psicologico a 1,20. Le ultime tre sedute del mercato forex hanno infatti visto l’euro recuperare terreno nei confronti della controparte statunitense, con le quotazioni che nella sessione notturna hanno superato quota 1,1950-1,1960.

L’attuale rimbalzo, descritto dalla serie di minimi crescenti del 9,10 e 11 maggio, va contestualizzato nell’ottica del movimento ribassista principale, quello che ha interessato il cambio a cavallo fra la fine del mese di aprile e questa prima metà di maggio.

Nuove opportunità in vista sul cambio Eur/Usd?

L’ampia fase di distribuzione che ha interessato i corsi dal 26 gennaio di quest’anno è di fatto terminata lo scorso 26 aprile quando le quotazioni Eur/Usd sono uscite al ribasso dal rettangolo costituito da un tetto a 1,25 e dal supporto statico a 1,2165 dollari. Con la violazione di quest’ultimo livello e, in precedenza, della media mobile a 200 periodi, il cambio fra moneta unica e biglietto verde ha generato un significativo segnale di inversione rispetto alla tendenza principale seguita dai corsi nell’ultimo anno.

Successivamente, la parabola discendente disegnata dall’Eur/Usd si è arrestata dopo aver raggiunto il primo target intermedio a 1,1916 e l’aver incontrato il supporto statico a 1,1837. La recente risalita in direzione 1,1982 potrebbe esser interpretata come un mini trend in direzione opposta al movimento disegnato nelle ultime settimane, il cui obiettivo sembrerebbe quello di confermare il cambio di tendenza principale in atto sul grafico dell’Eur/Usd.

A tal proposito diventa fondamentale monitorare l’andamento del cambio nelle prossime settimane. L’estensione del mini-trend rialzista in atto potrebbe prevedere un’ulteriore gamba verso l’ex supporto statico a 1,2165 dollari. Se così fosse, gli investitori con una visione negativa sull’Euro-dollaro potrebbero sfruttare detto movimento per costruire o incrementare posizioni short sugli strumenti che replicano l’andamento della coppia di valute.

Strategie operative su Eur/Usd

In quest’ottica, chi avesse una visione ribassista sul cambio potrebbe entrare in posizione short a 1,206 e fissare lo stop loss a 1,216 per scongiurare eventuali fiammate rialziste che andrebbero a smentire il cambio di direzione del trend principale. Il target di breve di questa strategia può essere individuato nuovamente a 1,18 mentre il target di medio termine rimarrebbe a 1,1730 dollari. Long speculativi di breve potrebbero prevedere ingressi a 1,195 con stop a 1,182 e target a 1,21.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Euro-Dollaro (EURUSD)

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Ufficio Studi Money.it -

Analisi Forex: dopo i recenti ribassi l’Euro-Dollaro è a un punto di svolta di medio termine?

Analisi Forex: dopo i recenti ribassi l'Euro-Dollaro è a un punto di svolta di medio termine?

Commenta

Condividi

Ufficio Studi Money.it -

Analisi tecnica forex: EUR/USD ancora debole sulla scia della crisi turca, dove potrebbe fermarsi il declino?

Analisi tecnica forex: EUR/USD ancora debole sulla scia della crisi turca, dove potrebbe fermarsi il declino?

Commenta

Condividi

Ufficio Studi Money.it -

Analisi tecnica Forex: Eur/usd accelera il ribasso, quota 1,13 nel mirino?

Analisi tecnica Forex: Eur/usd accelera il ribasso, quota 1,13 nel mirino?

Commenta

Condividi