Negli ultimi anni la gamma di Alfa Romeo è andata sempre più a rimpicciolirsi. Infatti prima è uscita di produzione la entry level MiTo che dall’estate del 2018 non viene più prodotta a Mirafiori, poi è toccato alla sportiva 4C ed infine a breve dirà addio Alfa Romeo Giulietta.

Al momento nella gamma dello storico marchio milanese sopravvivono solo Alfa Romeo Giulia e Stelvio. La famiglia di auto del Biscione non è mai stata così esigua come adesso. Le cose però dovrebbero iniziare a cambiare già a partire dal prossimo anno.

Stellantis: cura ricostituente per la gamma di Alfa Romeo?

Il nascente gruppo Stellantis infatti si dice che abbia intenzione di dedicare le proprie attenzioni sul marchio milanese che nei prossimi anni sarà protagonista di una vera e propria cura ricostituente.

Infatti già nel 2021 arriverà il nuovo Alfa Romeo Tonale. La vettura verso metà anno sarà svelata nella sua versione di produzione. Subito dopo partirà la sua produzione e le prime consegne sono attese per la fine del prossimo anno.

Nel 2022 e più precisamente nella primavera sarà svelato il nuovo B-SUV che nascerà sulla piattaforma CMP di PSA e sarà la prima auto di Alfa Romeo ad avere una versione completamente elettrica.

Questo modello dovrebbe debuttare sul mercato tra la fine del 2022 e gli inizi del 2023. Nel 2023 sono attese altre novità importanti. Al momento non vi sono notizie ufficiali ma sembra che almeno 1 altro SUV, un’auto sportiva in edizione limitata e l’erede di Giulietta possano arricchire la gamma del Biscione.

Inoltre non si esclude che Stellantis voglia lanciare altri modelli dal 2024 in poi. Questo con l’obiettivo di rendere Alfa Romeo un marchio sempre più importante nel segmento premium del mercato auto.

Il 2021 sarà un anno fondamentale da questo punto di vista. Stellantis infatti entro la fine del prossimo anno dirà quelle che sono le sue intenzioni su Alfa Romeo e se davvero un rilancio dello storico marchio automobilistico è ancora possibile.