1000 Miglia 2022: vince l’Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato

Marco Lasala

19 Giugno 2022 - 12:53

condividi

La quarantesima edizione della 1000 Miglia si conclude con la vittoria dell’Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato guidata da Andrea Vesco e Fabio Salvinelli del Team Villa Trasqua.

La splendida 1000 Miglia 2022 si è conclusa con la vittoria dell’Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato. Sabato 18 giugno alle ore 6:15 da Parma è partire l’ultima tappa della quarantesima edizione della “Corsa più bella del mondo”, gara che si è conclusa con la vittoria delle celebre “Freccia Rossa”.

L’Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929 guidata da Andrea Vesco e Fabio Salvinelli del team sponsor Villa Trasqua, si sono aggiudicati il gradino più alto del podio nella 1000 Miglia 2022.

1000 Miglia 2022: oltre 400 auto storiche e grande affluenza di pubblico

La tratta da Parma a Brescia, ha toccato luoghi che si intrecciano con la storia passata e odierna del marchio del Biscione, non in ultimo l’autodromo di Varano De’Melegari e il Circuito di Monza, pista che quest’anno celebra i 100 anni di storia. L’ultima tappa è stata Brescia, per la tradizionale passerella in Viale Venezia.

La storica corsa ha attraversato l’Italia, rientrando sul finire di gara in Lombardia, luogo di nascita della gara.

Lungo tutto il percorso, grande l’affluenza del pubblico, da Brescia a Roma e ritorno, in ogni piazza e strada, le storiche vetture sono state sempre accompagnate dagli sguardi di migliaia di appassionati.

Per l’occasione tanta la curiosità e l’apprezzamento per la nuova Alfa Romeo Tonale, vettura che a supporto della competizione, ha accompagnato gli storici equipaggi lungo tutto il percorso.

1000 Miglia 2022: una corsa straordinaria

Vince Alfa Romeo, vince il pubblico, vince l’emozione di ogni equipaggio che ha partecipato a una gara dura ma coinvolgente, le oltre 400 auto storiche devono esser state prodotte per regolamento fino al 31 dicembre 1957 e appartenenti ad almeno un modello di vettura che abbia preso parte a una edizione della 1000 Miglia dal 1927 al 1957.

Argomenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it