In tanti si interrogano sul futuro di Alfa Romeo Giulia. La berlina di segmento D del Biscione infatti nei primi 4 anni di carriera non ha ottenuto il livello di vendite sperato dai dirigenti di Alfa Romeo. Questo è avvenuto in particolare per il contemporaneo declino delle berline tradizionali che da diversi anni a questa parte vedono diminuire le proprie vendite a livello globale.

Alfa Romeo Giulia: la seconda generazione non è ancora sicura

Il 2021 sarà un anno importante per Alfa Romeo Giulia. La vettura della casa automobilistica del Biscione subirà infatti il restyling di metà carriera. Questo restyling dovrebbe garantire alcuni aggiornamenti estetici, l’introduzione di nuovi allestimenti, colori di carrozzeria e nuove tecnologie. In particolare si vocifera dell’introduzione della guida autonoma di livello 2, cosa che per le auto del Biscione rappresenterà un’autentica novità.

La più grande innovazione che arriverà con questo restyling per Alfa Romeo Giulia è rappresentata dall’introduzione della prima versione elettrificata della berlina. La Giulia ibrida, insieme agli altri aggiornamenti che abbiamo citato poc’anzi, dovrebbe garantire un aumento delle vendite alla berlina di Alfa Romeo. Da questo punto di vista, dobbiamo aggiungere anche che quello che accadrà nei prossimi anni determinerà il futuro di Giulia.

Sembra da escludere il ritorno di Alfa Romeo Alfetta

Infatti al momento non è sicuro che vi sarà una seconda generazione di Alfa Romeo Giulia. In ogni caso sembra molto più probabile vedere tra 4 o 5 anni una nuova generazione di Giulia che una berlina del tutto inedita come ad esempio una nuova Alfa Romeo Alfetta.

Le speranze che Alfa Romeo possa lanciare una berlina di grandi dimensioni sembrano essere davvero ridotte al lumicino. Quanto al destino di Alfa Romeo Giulia molto dipenderà da come andranno le vendite nei prossimi anni e soprattutto da come cambierà il mercato auto nel futuro. Chi vivrà vedrà.