ASPI 2013: requisiti, durata e decadenza. Ecco la guida completa

icon calendar icon person
ASPI 2013: requisiti, durata e decadenza. Ecco la guida completa

Il 1 gennaio 2013 è entrata in vigore l’ASPI, l’Assicurazione Sociale Per l’Impiego, introdotta dalla Riforma Fornero in sostegno dei lavoratori che hanno perso involontariamente il loro impiego e che possono fare richiesta di disoccupazione sul sito dell’INPS nell’area “Servizi per il cittadino” (muniti di PIN).

L’ASPI tenderà a sostituire le indennità di disoccupazione e mobilità correnti, lasciando inalterata la disoccupazione agricola. Sono infatti esclusi dall’ASPI gli operai agricoli a tempo determinato e indeterminato, così come i lavoratori il cui rapporto di lavoro è cessato per dimissioni o per risoluzione consensuale.

Quali sono i requisiti per ottenere l’ASPI? Ecco la guida completa con informazioni anche circa la durata e la decadenza.

ASPI 2013: requisiti

I soggetti interessati all’ASPI sono:

  • lavoratori dipendenti del settore privato;
  • lavoratori dipendenti del settore pubblico con contratto a tempo determinato;
  • apprendisti;
  • artisti e personale dipendente artistico (teatrale, cinematografico).

Quali sono i requisiti che detti soggetti devono possedere?

  • disoccupazione involontaria;
  • stato di disoccupazione come da D.lgs. 181/200 (art.1, comma 2, lettera c);
  • biennio di anzianità assicurativa;
  • 52 settimane di contribuzione nel biennio precedente al licenziamento.

Quanto dura l’ASPI?

Per l’anno 2013 l’ASPI sarà così ripartita:

  • 8 mesi per gli under 50;
  • 12 mesi per gli over 50.

Per l’anno 2014:

  • 8 mesi per gli under 50;
  • 12 mesi per coloro che hanno un’età compresa tra i 50 e i 54 anni;
  • 14 mesi per gli over 50.

Per l’anno 2015:

  • 10 mesi per gli under 50;
  • 12 mesi per coloro che hanno un’età compresa tra i 50 e i 54 anni;
  • 16 mesi per gli over 50.

Per l’anno 2016:

  • 12 mesi per gli under 50;
  • 18 mesi per gli over 50.

Per l’anno 2017 (a regime):

  • 12 mesi per gli under 55;
  • 18 mesi per gli over 55.

A quanto ammonta l’ASPI?

L’indennità è rapportata alla remunerazione imponibile ai fini previdenziali degli ultimi 2 anni (inclusi elementi continuativi, non continuativi e mensilità aggiuntive). L’importo va diviso per la retribuzione media settimanale (numero di settimane di contribuzione) e moltiplicato 4,33 (retribuzione media mensile).

L’importo spettante è pari al 75% della retribuzione base, se quest’ultima è a sua volta pari o inferiore a € 1.080 (soglia valida per il 2013); se è superiore, bisognerà sommare il 25% ottenuto dalla differenza tra la remunerazione mensile e la parte eccedente la soglia stabilita.

L’importo definito subisce una riduzione del 15% dopo i primi 6 mesi e un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese. Durante il periodo di fruizione dell’indennità è riconosciuta la contribuzione figurativa.

Quando decade l’ASPI?

L’ASPI decade quando il lavoratore cessa di essere nello status di disoccupato ed inizia un nuovo lavoro (dipendente, accessorio occasionale, autonomo o a progetto).

L’ASPI decade anche in altri casi:

  • raggiungimento dei requisiti per la pensione;
  • raggiungimento dei requisiti per l’assegno di invalidità;
  • inizio di un’attività autonoma senza dare comunicazione all’INPS del reddito che si presume ottenere dalla stessa.

Per riassumere

Segui Money.it su Facebook

Iscriviti alla newsletter "Lavoro"

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]