Matteo Renzi

Matteo Renzi

Matteo Renzi (Firenze, 11 gennaio 1975) è un politico italiano leader di Italia Viva. Inizialmente sotto le insegne della Margherita dal 2004 al 2009 è stato Presidente della Provincia di Firenze, guidando poi il capoluogo toscano come sindaco dal 2009 al 2014 dopo essere passato tra le fila del Partito Democratico.

Dopo la vittoria delle primarie nel 15 dicembre 2013 è stato nominato segretario del PD, il 22 febbraio 2014 è diventato Presidente del Consiglio, il più giovane della storia.

Il mandato però è durato fino al 12 dicembre 2016, giorno delle sue dimissioni a seguito della vittoria del No al Referendum Costituzionale da lui promosso nonostante l’exploit alle precedenti europee dove il PD è arrivato al 40%.

Dopo aver rassegnato le dimissioni anche da segretario del partito, è tornato di nuovo in sella ai dem vincendo le primarie del 30 aprile 2017. Renzi così ha assunto il ruolo anche di candidato premier del Centrosinistra alle elezioni politiche del 4 marzo 2018.

I risultati elettorali sono stati però deludenti per il Partito Democratico (18,72%). Eletto comunque senatore dopo aver vinto il seggio nel suo collegio di Firenze, si è nuovamente dimesso dalla carica di segretario del partito.

A settembre 2019, dopo aver contribuito alla nascita del secondo governo Conte ha deciso di lasciare il Partito Democratico, dando vita poi al nuovo partito Italia Viva.

A gennaio 2021 a seguito delle dimissioni dei propri membri dall’esecutivo giallorosso, Matteo Renzi è stato determinante nell’avvicendamento a Palazzo Chigi tra Giuseppe Conte e Mario Draghi.

Matteo Renzi, ultimi articoli su Money.it

Renzi, aria di crisi: “Governo Conte è finito”. Arriva Draghi?

Alessandro Cipolla

2 Settembre 2020 - 08:24

Renzi, aria di crisi: “Governo Conte è finito”. Arriva Draghi?

Matteo Renzi secondo La Repubblica avrebbe dato per finito il Conte bis, spianando così la strada a un governo dalle larghe intese con a capo magari Mario Draghi: saranno decisive le elezioni regionali ma il sentore è che l’ex premier voglia una crisi a prescindere.