Draghi non sarà mai più presidente del Consiglio: “Non sono disponibile a un secondo mandato”

Stefano Rizzuti

16/09/2022

16/09/2022 - 16:58

condividi

Mario Draghi risponde semplicemente “no” a chi gli chiede se è disponibile per un secondo mandato a Palazzo Chigi in caso di necessità dopo le elezioni politiche.

Draghi non sarà mai più presidente del Consiglio: “Non sono disponibile a un secondo mandato”

Mario Draghi non ha nessuna intenzione di tornare a Palazzo Chigi e di ricevere un secondo mandato da presidente del Consiglio. In quella che sarà, quasi certamente, una delle ultime conferenze stampa di Draghi da presidente la risposta dello stesso ex governatore della Bce è netta.

Draghi si limita a rispondere con un netto “no” alla giornalista che gli chiede se fosse disponibile a tornare a Palazzo Chigi per un secondo mandato da presidente del Consiglio. Una replica che da una parte spazza via ogni dubbio sul futuro di Draghi in un ruolo alla guida dell’esecutivo, ma dall’altro gela anche chi - in piena campagna elettorale - spera ancora di puntare sul nome del presidente del Consiglio uscente per la prossima legislatura.

Chi voleva Draghi di nuovo a Chigi

La speranza che Draghi potesse accettare un secondo incarico a Palazzo Chigi sembra quindi riguardare più altri leader di partito che non lo stesso presidente del Consiglio. Sicuramente il terzo polo, formato da Azione e Italia Viva, ha sempre puntato su un nuovo mandato per Draghi a Chigi. E anche altri partiti, a cominciare dal Pd, non hanno mai nascosto il loro gradimento per il presidente uscente.

Draghi gela Calenda e Renzi

Anche oggi stesso, poche ore prima della conferenza stampa, il leader di Italia Viva Matteo Renzi aveva detto che in caso di impossibiltà di formare un governo Meloni allora ci sarebbe stato «un governo istituzionale con Mario Draghi», ma solamente in caso di raggiungimento del 10% da parte del terzo polo.

Non solo, perché Renzi era stato ancora più netto in un’intervista a La Stampa: «Ove si creassero le condizioni e Mattarella glielo proponesse, sono certo che Draghi accetterebbe». Parole che vengono quindi smentite nettamente dal presidente del Consiglio, candidato a sua insaputa.

Draghi dice no a un secondo mandato

La speranza di Renzi e Calenda viene quindi vanificata dalle parole di Draghi. In conferenza stampa il presidente del Consiglio ha risposto chiaramente “no” a chi gli chiedeva se fosse disposto a ricoprire un secondo mandato a Palazzo Chigi. Una chiusura netta, tanto che Draghi ha deciso di non dedicare alcun commento alla domanda, limitandosi a rispondere con un secco no. Con buona pace di chi, come il terzo polo, lo vorrebbe ancora a Chigi dopo le elezioni politiche del 25 settembre.

Iscriviti a Money.it