Vertenza sindacale contro il datore di lavoro: quando farla, tempi e costi

Simone Micocci

20 Marzo 2019 - 15:10

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La vertenza sindacale è lo strumento con cui il dipendente rivendica i propri diritti violati dal datore di lavoro; può essere presentata in diversi casi, mentre il costo dipende dall’eventuale iscrizione al sindacato al quale ci si rivolge.

Con il termine vertenza sindacale si indica quello strumento che tutela il dipendente da una condotta del datore di lavoro che lede i propri diritti: può essere presentata, ad esempio, in caso di mancato godimento delle ferie, o anche per lo svolgimento di ore di lavoro non retribuite. La vertenza sindacale può essere anche utile per segnalare un lavoro in nero, denunciando così il datore di lavoro che ha deciso di assumervi senza regolare contratto.

In Italia tra lavoro precario (particolarmente diffuso) e datori di lavoro che si approfittano dei propri dipendenti, è molto frequente il ricorso alla vertenza sindacale. La stessa etimologia della parola “vertenza” si basa sulla radice “verte” o “vertere”, dal latino vertens, che con il suo primo significato - lite - ben riflette lo spirito del contenzioso che sovente nasce tra le parti coinvolte.

Si utilizza il termine vertenza sindacale perché il lavoratore, dopo aver tentato di far valere i propri diritti lesi con il datore di lavoro, si rivolge al sindacato a cui è iscritto nel tentativo di autotutelarsi. Verrà quindi esposta una formale denuncia e istituita una commissione con il compito di trovare un punto di accordo tra le parti.

Qualora si trovi un punto in comune si procede a stilare un documento che attesti tutte le specifiche economiche, amministrative e temporali dell’accordo. Il sindacato tutela la legalità e la correttezza delle operazioni concordate. Qualora però il tentativo di conciliazione non vada a buon fine si dovrà procedere con un procedimento legale posto in essere dal dipendente.

Vertenza sindacale: le cause più comuni

Come anticipato, ci sono diversi casi in cui il dipendente può tutelare i propri diritti presentando una vertenza sindacale contro il datore di lavoro. Nel dettaglio, le cause più frequenti oggi sono:

Le cause più frequenti delle vertenze sindacali per lavoro in nero sono:

  • licenziamento, quando un lavoratore viene licenziato senza ricevere i giorni di preavviso stabiliti per legge e senza ricevere l’indennità corrispondente (vale anche per il licenziamento durante i giorni di prova);
  • retribuzioni non versate, quando non sono state pagate una o più mensilità;
  • retribuzioni di importo minore, quando il salario versato è di un ammontare inferiore rispetto a quello stabilito per contratto;
  • ferie mancate, quando il datore di lavoro non concede le ferie dovute o non le sostituisce con l’indennità corrispondente stabilita per legge;
  • permessi mancati, quando il datore di lavoro non concede i permessi dovuti per legge;
  • malattia non riconosciuta, quando il datore di lavoro non riconosce le indennità stabilite dalla legge per la malattia;
  • infortunio non riconosciuto, quando il datore di lavoro non riconosce le indennità stabilite dalla legge per infortunio;
  • maternità non riconosciuta, quando il datore di lavoro non riconosce le indennità stabilite dalla legge per la maternità (e diritti relativi, allattamento ecc.);
  • TFR non riconosciuto, quando, durante o alla fine del rapporto di lavoro, il dipendente non riceva il TFR spettante, in busta paga o alla fine del rapporto, secondo i casi;
  • straordinari non riconosciuti, quando le ore di lavoro straordinario non vengono pagate al dipendente o vengono pagate in quantità ridotta rispetto alle reali ore di lavoro prestate.

Vertenza sindacale: tempistiche

La vertenza sindacale ha dei tempi specifici entro i quali deve essere effettuata (si ricorda comunque che può essere presentata sia durante che dopo il rapporto di lavoro).

Per le aziende con meno di 15 lavoratori dipendenti la vertenza va in prescrizione dopo 5 anni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro. Nel caso delle aziende con più di 15 lavoratori dipendenti, la prescrizione scatta 5 anni dopo il giorno o il mese di maturazione della retribuzione richiesta. Per quanto riguarda invece i tempi entro i quali fare vertenza per contestare un licenziamento, bisogna operare entro 60 giorni dalla data di ricezione della lettera.

I tempi per risolvere la questione variano a seconda della strada intrapresa. Se si risolve tutto con l’intervento del sindacato di solito le parti trovano un accordo entro 1-2 mesi, se invece si ricorre ad un procedimento legale si potrebbero attendere anche anni prima di un verdetto definitivo del Giudice del Lavoro.

Come fare vertenza

Capire come fare vertenza può essere complesso, ecco quindi a seguire una serie di operazioni principali da effettuare.

  • verificare se si usufruisce dei requisiti per la vertenza;
  • cercare un soluzione pacifica con il proprio datore di lavoro;
  • nel caso in cui non si riescano a far valere i propri diritti, raccogliere prove che attestino la lesione del diritto (buste paga, testimoni, libretti di lavoro, orari di ingresso ed uscita ecc.);
  • rivolgersi al sindacato di categoria.

Dopo questi procedimenti il sindacato o il lavoratore devono contattare il datore di lavoro che verrà quindi convocato presso l’ufficio del lavoro al fine di trovare una conciliazione; come anticipato, qualora quest’ultima fase non dia gli esiti sperati e non sia possibile arrivare ad un accordo con il datore di lavoro bisognerà avviare un procedimento legale ai suoi danni.

Prima di concludere è bene precisare che la vertenza può essere presentata anche ad un sindacato al quale non siete iscritti, tuttavia in questo caso la procedura avrà un costo più alto. Se infatti solitamente i sindacati non richiedono un esborso elevato per coloro che sono iscritti (le uniche spese previste sono i costi vivi e i rimborsi per le spese sostenute), per coloro che non lo sono sarà necessaria preventivamente l’iscrizione al sindacato e la sottoscrizione della tessera.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO