Tutti osservano la Bce: cosa sta per decidere?

Violetta Silvestri

21/07/2023

Bce sotto i riflettori degli analisti: c’è grande attenzione per la decisione di luglio e per il tono di Lagarde. Il futuro incerto dell’economia europea è un rischio di insuccesso per la banca.

Tutti osservano la Bce: cosa sta per decidere?

Si avvicina la riunione della Bce e i riflettori si sono già accesi su Lagarde e gli altri membri: mentre un rialzo dei tassi da 25 punti base è ormai dato per scontato, l’incertezza rimane su cosa accadrà dopo.

E proprio su questo tema si interrogano analisti e strateghi, tra chi vede un orientamento ancora aggressivo dell’Eurotower e chi invece stima un allentamento della politica monetaria entro il 2023.

Il punto è che dopo otto aumenti consecutivi dei tassi da luglio 2022 per un totale di 400 punti base, investitori e analisti stanno ora discutendo animatamente su quanti altri aumenti siano necessari e per quanto tempo i tassi dovranno rimanere alti per portare l’inflazione all’obiettivo del 2%.

La discussione potrebbe accendersi anche all’interno del board e, soprattutto, tutti aspettano la conferenza stampa di Lagarde che dovrà stare molto attenta a mantenere un tono rassicurante per i mercati.

Bce nel mirino degli analisti: cosa sta per accadere ai tassi?

Il piano della Banca centrale europea di mantenere i tassi di interesse al loro picco finale per un periodo prolungato non convince gli economisti.

Una risicata maggioranza in un sondaggio di Bloomberg prevede un aumento finale del tasso sui depositi a settembre, al 4%, prima che i funzionari inizino a tagliare i tassi a marzo. L’incertezza sulle mosse successive cresce gradualmente, con proiezioni per gli oneri finanziari di fine 2024 che vanno dal 2% al 4%.

“La Bce dovrà trovare una motivazione per fermare l’aumento dei tassi nel prossimo futuro, lasciando allo stesso tempo un credibile pregiudizio di inasprimento”, ha affermato Kristian Toedtmann, economista di Dekabank, che prevede che i tassi raggiungeranno il picco questo mese e rimarranno lì fino al prossimo settembre. “Il rischio è che i mercati interpretino una simile pausa come un segnale che i tagli dei tassi sono già in vista”.

Opinione simile di David Powell, economista senior dell’area dell’euro per Bloomberg: “Anche se non ci aspettiamo che Lagarde fornisca molte indicazioni su quando arriverà una pausa, sembra concentrata sul trasmettere chiaramente che è improbabile che la Bce tagli presto”.

Il futuro prossimo rimane in un alone di incertezza. Gli economisti intervistati da Reuters non sono stati unanimi riguardo a un ulteriore inasprimento dopo luglio. Mentre 35 su 75 non prevedevano più aumenti, 40 economisti vedono ora un altro aumento di 25 punti base a settembre, un aumento significativo rispetto ai soli quattro in un sondaggio di giugno e simile alle aspettative del mercato.

Se realizzato, ciò porterebbe il tasso sui depositi al massimo da quando è stato lanciato per la prima volta come strumento politico nel 1999.

“Luglio è praticamente un dato di fatto, hanno comunicato che saliranno e non sarà una sorpresa per nessuno. La domanda è se dovranno salire a settembre o meno”, ha affermato Bas van Geffen, senior macro strategist di Rabobank.

Carsten Brzeski di ING stime che la riunione di luglio è ormai un gioco da ragazzi: alzare i tassi di 25 punti base e tenere la porta spalancata per un altro aumento dei tassi a settembre, senza fornire alcuna indicazione su quando e dove verrà raggiunto il tasso terminale. “L’unica sfida è attenersi a una canzone sempreverde: il silenzio è d’oro”, ha aggiunto.

E l’inflazione? Cosa aspettarsi in Europa

Il nodo di tutto per la Bce è l’inflazione e, soprattutto, la corretta previsione sulla sua direzione.

La divergenza di opinioni evidenzia quanto sia difficile capire quando l’inflazione tornerà all’obiettivo del 2% dal 5,5% attuale e da oltre il 10% lo scorso autunno. Non solo le ostinate pressioni sui prezzi e un’economia della zona euro in difficoltà stanno offuscando il percorso, ma i funzionari non sono ancora sicuri di come i 400 punti base senza precedenti di inasprimento attuati dallo scorso luglio colpiranno l’attività man mano che il loro effetto ritardato si farà sentire.

Gli economisti ritengono ancora che l’inflazione sia il rischio maggiore per l’economia, con le ricadute della guerra della Russia in Ucraina al secondo posto. La Federal Reserve, intanto, dovrebbe decidere quello che è ampiamente previsto come il suo ultimo aumento dei tassi la prossima settimana. I trader scommettono su un primo taglio dei tassi USA già in primavera.

Nonostante le sfide, gli intervistati hanno fiducia nella capacità della Bce di trovare la giusta dose di inasprimento per domare l’inflazione senza far precipitare l’economia. Più di due terzi sono convinti che i funzionari non si spingeranno troppo oltre, e nove su 10 affermano che non smetteranno nemmeno di alzare i tassi troppo presto.

Secondo il sondaggio di Reuters, l’inflazione core, che esclude i prezzi di cibo ed energia e fornisce un quadro migliore della domanda sottostante, sarebbe leggermente inferiore al suo livello attuale del 6,8% entro la fine dell’anno, con 20 dei 32 intervistati a sostenere questa previsione. Dodici hanno detto che sarà significativamente inferiore.

L’inflazione salariale sarà la componente più vischiosa dell’inflazione core, secondo tutti tranne due dei 26 economisti. In aggiunta alla pressione, si prevedeva che il tasso di disoccupazione sarebbe aumentato a malapena al 6,8% dal 6,5% attuale nei prossimi due anni.

Tuttavia, la domanda nel blocco dei 20 membri è in frenata, con la zona euro che è caduta in una recessione, trascinata principalmente dalla Germania, la sua più grande economia.

Per tutti questi fattori la Bce è osservata attentamente.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo