Turchia shock sui tassi: ancora un taglio, mentre inflazione è all’80%

Violetta Silvestri

22 Settembre 2022 - 15:26

condividi

La banca centrale della Turchia prosegue sulla strada dell’allentamento monetario e taglia ancora i tassi: è shock per la lira, ai minimi storici, mentre l’inflazione galoppa all’80%.

Turchia shock sui tassi: ancora un taglio, mentre inflazione è all'80%

La banca centrale turca ha sorpreso ancora una volta i mercati con la decisione di giovedì di tagliare il tasso di interesse di riferimento, nonostante l’inflazione nel Paese sia salita oltre l′80%.

La lira turca è scesa a un nuovo minimo storico dopo l’intervento, pressata anche dall’aggressività della Federal Reserve che sta pesando sulle valute dei mercati emergenti. La moneta si è indebolita dello 0,4% a 18,4026 per dollaro, il livello più basso mai registrato, e veniva scambiata in calo dello 0,3% a 18,3819 alle 14:27 di Istanbul.

La politica monetaria non ortodossa della Turchia ha lasciato il Paese con i tassi di interesse più negativi del mondo se aggiustati per l’inflazione, che ha superato l’80% il mese scorso. La lira è tra le valute con la peggiore performance 2022 nei mercati emergenti.

La banca centrale turca sconvolge ancora i mercati

Il Comitato di politica monetaria guidato dal governatore Sahap Kavcioglu ha abbassato il benchmark al 12% dal 13%, sorprendendo la maggior parte degli economisti intervistati da Bloomberg.

Una dichiarazione della banca centrale ha affermato di aver valutato che “il livello aggiornato della politica è adeguato alle attuali prospettive”, secondo Reuters. Ha dichiarato anche che il taglio era necessario poiché la crescita e la domanda hanno continuato a rallentare, citando inoltre “l’escalation del rischio geopolitico”.

Questa direzione politica ha a lungo sbalordito investitori ed economisti, i quali affermano che il rifiuto di inasprire la politica è il risultato della pressione del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che si è a lungo inveito contro i tassi di interesse e si è rivolto contro l’ortodossia economica, insistendo sul fatto che l’abbassamento dei tassi è la strada giusta per far scendere l’inflazione.

La campagna di mesi per abbassare continuamente i tassi mentre il disavanzo commerciale e delle partite correnti della Turchia aumenta e le sue riserve di valuta estera si stanno esaurendo, ha invece mandato la valuta turca, la lira, in una crisi pluriennale.

“Lo spazio per un ulteriore allentamento sta diventando sempre più limitato a causa della pressione che ciò sta esercitando sulla lira e sui tassi reali”, ha detto alla CNBC Liam Peach, economista senior dei mercati emergenti. “La Turchia ha un disavanzo delle partite correnti così ampio ed è diventata dipendente dagli afflussi di capitali esteri per finanziarlo. Le riserve valutarie in Turchia sono così basse che la banca centrale non è davvero nella posizione di intervenire”.

A un certo punto, la fiducia scenderà così tanto che probabilmente quei flussi in entrata si esauriranno, ha avvertito Peach: “Il taglio dei tassi di interesse rende più difficile per la Turchia attrarre quei flussi di capitali”.

Erdogan, nel frattempo, rimane ottimista, prevedendo che l’inflazione scenderà entro fine anno. “L’inflazione non è una minaccia economica insormontabile. Sono un economista”, ha detto il presidente durante un’intervista martedì.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.