Tampone fai da te, come eseguirlo in casa e leggere il risultato

Emiliana Costa

17/01/2022

17/01/2022 - 16:15

condividi

Dal 19 gennaio, in una regione italiana, per chi ha ricevuto la terza dose ed è asintomatico sarà possibile entrare e uscire dalla quarantena con un tampone fai da te. Ma come si esegue?

Tampone fai da te, come eseguirlo in casa e leggere il risultato

Da mercoledì 19 gennaio, in Emilia Romagna, per chi ha ricevuto la terza dose ed è asintomatico sarà possibile entrare e uscire dalla quarantena con l’esito di un tampone fai da te. Si tratta di una novità a livello nazionale. Ma come si esegue un test anti Covid-19 in casa e come leggere il risultato? Entriamo nel dettaglio.

Come eseguire un tampone fai da te

L’impennata di contagi, spinta da Omicron, non accenna a placarsi. Il 2022 è iniziato all’insegna dei tamponi antigenici e molecolari. Boom anche dei tamponi rapidi fai da te, utilizzati molto in casa prima di cene con parenti e amici. Ma come funzionano?

Il kit - in vendita nelle farmacie, online e in alcuni supermercati - comprende un tampone sterile per campioni nasali, una striscia per il test e un contenitore con la soluzione tampone. In un’intervista al Resto del Carlino, la farmacista bolognese Anna Marrè spiega come eseguire il test fai da te: «Occorre prelevare il tampone senza toccarne la punta con le mani. A questo punto, inclinare la testa e inserire il tampone in profondità nella narice sin quando non si avverte una leggera resistenza. Poi, ruotare il tampone nella narice per quattro o cinque volte a contatto con la parete interna del naso. Estrarre quindi il tampone e ripetere il processo nell’altra narice».

Dopo aver eseguito il tampone, occorre inserire il test nella provetta con all’interno la soluzione tampone di estrazione. «Comprimere - continua la farmacista - la provetta sui due lati mentre si ruota il tampone all’interno per una decina di volte. Continuare poi a comprimere i lati mentre si estrae il tampone e allora premere adeguatamente il tappo per l’erogazione».

Dopo aver eseguito il tampone fai da te, se sul dispositivo compaiono le due linee C e T significa che si risulta positivi al coronavirus SARS-CoV-2. In questo caso occorre contattare il proprio medico o l’ente sanitario della propria regione per avere tutte le informazioni sulla prassi da seguire.

Se invece compare la sola linea C, il tampone è stato eseguito correttamente ma è negativo.

Tamponi fai da te, il caso Emilia Romagna

Da mercoledì 19 gennaio, i cittadini assistiti in Emilia-Romagna con fascicolo sanitario elettronico e che hanno ricevuto la terza dose di vaccino potranno entrare e uscire dalla quarantena con un tampone rapido fai da te. La procedura è valida però solo per gli asintomatici. Occorrerà caricare il risultato sul fascicolo sanitario elettronico per l’invio automatico dell’informazione ai dipartimenti di sanità pubblica e l’attivazione dell’isolamento fiduciario.

Si tratta di una novità a livello nazionale. « Per tanti vaccinati asintomatici la positività è un problema più amministrativo che clinico. La sperimentazione è volta proprio a semplificare la vita a queste persone, permettendoci di fare più vaccini e meno tamponi», ha commentato l’assessore regionale alla salute dell’Emilia Romagna, Raffaele Donini, che si è sottoposto in diretta a un autotest (negativo) illustrando in videoconferenza la procedura per entrare e uscire dalla quarantena.

Sempre con l’autotesting, dopo sette giorni a partire dal giorno successivo al test positivo, sarà possibile effettuare un ulteriore tampone fai da te per uscire dall’isolamento. Occorrerà caricare l’esito sul proprio fascicolo sanitario elettronico, ottenendo in questo modo entro 24 ore la certificazione di fine quarantena.

Argomenti

Iscriviti a Money.it