Supplenze 2022 da Gps: quando arriva la nomina?

Teresa Maddonni

25 Agosto 2022 - 09:24

condividi

Quando arriva la nomina per le supplenze 2022-2023 da graduatorie provinciali per gli aspiranti docenti? Entro la fine di agosto i primi incarichi, ma i tempi potrebbero dilatarsi. I dettagli.

Supplenze 2022 da Gps: quando arriva la nomina?

Sono giorni di attesa per le supplenze 2022 da Gps (e Gae) per docenti o aspiranti tali.

Si sono concluse lo scorso 16 agosto alle 14:00 le operazioni per la procedura informatizzata mediante la quale i docenti inseriti nelle graduatorie per le supplenze per il prossimo biennio 2022-2024 hanno comunicato l’ordine di preferenza delle scuole, fino a 150, per la provincia nella quale sono iscritti al fine di ottenere incarichi a tempo determinato mediante contratto di lavoro al 30 giugno o al 31 agosto.

Le supplenze, attraverso le iscrizioni nelle Gps (Graduatorie provinciali per le supplenze) a partire dalla seconda fascia, sono un modo per entrare nella scuola e diventare insegnanti.

L’acquisizione del punteggio, specie attraverso il servizio, permette di salire in graduatoria a ogni aggiornamento che a oggi avviene ogni due anni (il prossimo dopo quello 2022 ci sarà nel 2024).

Agosto, concluse le preliminari operazioni di verifica della disponibilità dei posti da parte dei singoli Uffici scolastici provinciali, è il mese nel quale partono le nomine per le supplenze per la presa di servizio dal 1° settembre. Non sempre tuttavia, specie per la seconda fascia delle Gps, le tempistiche vengono rispettate. I dettagli.

Supplenze 2022 da Gps: il processo di nomina

La nomina per le supplenze da Gps di prima e seconda fascia, come anche dalle Graduatorie a esaurimento (Gae), è un processo complesso che per quanto lo si voglia snellire attraverso la procedura informatizzata (il tanto odiato algoritmo), risulta a tratti macchinoso.

Come lo stesso Miur comunica attraverso la pagina ufficiale dedicata alle supplenze 2022 per il conferimento di contratti a tempo determinato, e come specificato nella circolare numero 28597 del 29 luglio 2022, sono quattro le fasi da tenere a mente che portano alle nomine:

  1. i docenti presentano l’istanza mediante la quale indicano le sedi scolastiche desiderate indipendentemente dalla presenza o meno di disponibilità (procedura conclusasi lo scorso 16 agosto);
  2. gli Uffici scolastici provinciali (Usp o Atp), attraverso il sistema informativo, indicano il numero di posti disponibili in ogni istituzione scolastica, distinto per tipologia di posto e classe di concorso;
  3. gli stessi uffici verificano le istanze presentate e assegnano gli aspiranti docenti alle singole istituzioni scolastiche sulla base della posizione in graduatoria, tenendo conto dell’ordine delle preferenze espresse. Si legge sempre sul sito del Miur che “in caso di preferenze sintetiche (comuni o distretti), l’ordine di preferenza delle istituzioni scolastiche all’interno del comune o del distretto è effettuato sulla base dell’ordinamento alfanumerico crescente del codice meccanografico.” Le preferenze sintetiche differiscono da quelle puntuali con l’indicazione della singola scuola;
  4. ancora gli Uffici comunicano ai docenti e alle scuole interessate gli esiti dell’individuazione.

Nella stessa circolare si richiama la “necessità che le informazioni riguardanti le operazioni di conferimento delle supplenze siano pubblicate sul sito istituzionale di ciascun Ufficio.”

Al momento pare siano state avviate le nomine per i posti di sostegno dalla prima fascia delle Gps in alcune province d’Italia. Per le successive nomine occorre attendere dal momento che non tutti gli Usp hanno pubblicato le disponibilità dei posti (punto 2) e molti punteggi ancora non sono stati rettificati e corretti laddove risultavano errati.

Supplenze 2022 da Gps: quando arriva la nomina

La nomina per le supplenze 2022 dovrebbe arrivare ad agosto, ma è inverosimile in alcuni casi. In ogni caso gli Uffici scolastici provinciali, seguendo l’ordine nelle graduatorie, andranno a effettuare le nomine con una comunicazione che avviene tramite email, quella indicata su Istanze online dall’aspirante docente, e la pubblicazione del bollettino sul sito ufficiale.

La nomina quindi dovrebbe avvenire entro il 31 agosto per la presa di servizio dal 1° settembre. Per le tempistiche e modalità di presa di servizio, quando recarsi a scuola per firmare il contratto per intenderci, è sempre bene contattare la segreteria della sede cui si viene assegnati. Solitamente si hanno 24 ore di tempo per la presa di servizio, ma previa comunicazione telefonica è possibile anche ottenerne 48.

Gli incarichi di supplenza da Gps, per ritardi o ulteriori disponibilità che necessitano di diversi turni di nomina, possono anche avvenire dopo il 1° settembre. La data per la presa di servizio sarà indicata nella email o anche sul sito dell’Usp che pubblica il bollettino.

Non sempre tuttavia, specie per le province di grandi dimensioni, la comunicazione dell’attribuzione dell’incarico avviene via email e pertanto occorre sempre monitorare il sito dell’Usp della propria provincia di iscrizione. Per alcune cattedre e province le operazioni possono dilatarsi fino ad anno scolastico inoltrato.

Argomenti

# Scuola

Iscriviti a Money.it