Superbonus 110%: i grandi esclusi dalla proroga

Rosaria Imparato

22 Ottobre 2021 - 11:21

condividi

Chi sono i grandi esclusi dalla proroga del superbonus 110? La Legge di Bilancio 2022 pensa solo ai condomini, andando a cambiare (per ora) le scadenze da rispettare.

Superbonus 110%: i grandi esclusi dalla proroga

La proroga del superbonus 110% è arrivata, ma non per tutti. Parlare di un’estensione selettiva è quasi riduttivo, perché sono molti i destinatari dell’agevolazione esclusi nella proroga.

Bisogna anche specificare che il dibattito sulla Legge di Bilancio 2022 è appena iniziato, e la discussione sui bonus edilizi sarà lunga. Le novità per le agevolazioni sulla casa, infatti, non riguardano solo il superbonus 110%, ma anche il bonus facciate.

La detrazione del 90% (fruibile anche tramite cessione del credito e sconto in fattura) è l’unica a non essere stata menzionata tra i bonus prorogati per il prossimo anno, nonostante l’apprezzamento di cittadini e il conseguente supporto del settore edilizio.

Superbonus 110%: i grandi esclusi dalla proroga

Secondo le anticipazioni del Documento Programmatico di Bilancio e le dichiarazioni del Ministro dell’Economia Franco, le intenzioni del Governo sono quelle di prorogare in Legge di Bilancio il superbonus 110% al 2023 soltanto per due categorie: i condomini e le IACP, cioè le case popolari.

Una proroga che definire selettiva è un eufemismo. I primi destinatari a rimanere fuori sono le villette uni e plurifamiliari, ma non sono gli unici a essere esclusi.

I destinatari del superbonus 110%, lo ricordiamo, sono tanti:

  • le persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, su unità immobiliari;
  • le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci;
  • le organizzazioni non lucrative di utilità sociale;
  • le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale iscritte nel registro nazionale e nei registri regionali e delle province autonome di Trento e di Bolzano;
  • le associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi;
  • partite IVA: lavoratori autonomi e imprenditori possono richiederlo solo per le operazioni riguardanti gli immobili rientranti nella loro sfera privata.

Poi il decreto Sempificazioni ha anche aggiunto, tra i beneficiari del superbonus 110%, i collegi, convitti, ospizi, conventi, seminari, caserme, case di cura e ospedali senza scopi di lucro.

Superbonus 110% tra proroga selettiva e nuove scadenze

Per poter parlare delle nuove scadenze del superbonus 110% bisognerà attendere la Legge di Bilancio, o per lo meno uno schema di bozza.

Le scadenze attuali sono quelle che seguono:

BENEFICIARIOSCADENZA
case popolari 30 giugno 2023. Se gli interventi arrivano almeno al 60% del progetto complessivo spetta per le spese sostenute entro il 30 dicembre 2023
condomini 31 dicembre 2022
edifici posseduti da un unico proprietario da 2 a 4 unità immobiliari 31 dicembre 2022 se entro il 30 giugno 2022 si raggiunge almeno il 60% dell’intervento complessivo

Non dovrebbero cambiare le modalità di fruizione del 110%, cioè tramite detrazione in dichiarazione dei redditi, cessione del credito a terzi (banche comprese) e sconto in fattura, previo accordo con l’impresa.

Iscriviti a Money.it