Stress per troppo lavoro: quando è riconosciuta la causa di servizio

icon calendar icon person
Stress per troppo lavoro: quando è riconosciuta la causa di servizio

Il lavoro può essere la causa principale dello stress, il quale a sua volta può comportare dei danni molto gravi per la salute psico-fisica. Ecco quando, secondo la Corte di Cassazione, è riconosciuta la causa di servizio per lo stress.

Quando il troppo lavoro è causa di stress?

Lo stress è lo stato di tensione fisica e mentale alla quale è soggetta una persona in determinati periodi, specialmente quando bisogna adattarsi ad un qualche cambiamento di tipo psichico o fisico.

Il cambiamento delle abitudini di vita, così come l’instabilità, è un fattore che influenza fortemente i fattori stressanti, portando il sistema nervoso dell’individuo a generare una sensazione estrema di timore e ansietà.

Un altro fattore che può portare allo stress è il troppo lavoro; lo ha riconosciuto la stessa Corte di Cassazione con la sentenza n° 24361/2017 pubblicata lo scorso 16 ottobre. Una sentenza molto importante dal momento che la Suprema Corte oltre a riconoscere la causa di servizio per lo stress conferma la possibilità che questo possa comportare gravi danni alla salute del dipendente.

Di conseguenza il lavoratore stressato - tutelato dall’assicurazione obbligatoria sul lavoro - ha diritto all’indennità INAIL per malattia professionale.

Nonostante si tratti di una sentenza molto importante non è la prima volta che la Corte di Cassazione parla dello stress legato al troppo lavoro. Negli ultimi anni infatti ci sono state diverse sentenze nei quali i giudici del Palazzo di Giustizia hanno fatto chiarezza su un tema così delicato.

Stress per troppo lavoro: quando sussiste la causa di servizio

Con la sentenza n°24361 del 2017 la Corte di Cassazione ha riconosciuto la causa di servizio ad un dipendente pubblico - appena trentaseienne - sottoposto ad un eccessivo stress lavorativo.

Uno stress che gli ha comportato gravi danni sulla salute, poiché ha fatto sì che il dipendente riscontrasse una malattia coronarica. Secondo i giudici della Cassazione la causa scatenante la malattia cardiovascolare è lo stress, dovuto all’eccessivo carico di lavoro e di responsabilità al quale era sottoposto giornalmente.

I giudici sono arrivati a questa conclusione una volta verificata l’assenza di concause: l’uomo oltre ad essere molto giovane non è un fumatore e non è solito all’uso di sostanze alcoliche.

L’assenza di familiarità con le malattie cardiovascolari non ha fatto che confermare l’ipotesi iniziale: è lo stress la causa scatenante dei suoi problemi cardiaci. Stress derivato dalla mansione da lui ricoperta, la quale prevedeva un carico di lavoro eccessivo da sostenere.

Ecco perché al lavoratore è stata riconosciuta la causa di servizio e il suo diritto a percepire l’indennità di malattia INPS.

Quando il troppo lavoro è causa di stress?

La Corte di Cassazione ha precisato che non è sufficiente l’eccessivo carico di lavoro per giustificare lo stress. È necessario infatti che concorrano altri fattori, quali:

  • inadeguatezza della programmazione delle attività aziendali;
  • pressioni psicologiche ed eccessivi - e immotivati - rimproveri;
  • ambiente di lavoro conflittuale.

Anche il demansionamento, talvolta, può essere riconosciuto come fattore scatenenante dello stress del lavoratore. Bisogna però fare chiarezza su un concetto molto importante: non basta essere stressati per rivolgersi al giudice e chiedere il risarcimento o - eventualmente - il riconoscimento della causa di servizio.

Come indicato dalla stessa Corte di Cassazione nella sentenza n. 5590/2016 del 22 marzo del 2016, può essere risarcito solo il lavoratore che a causa dello stress ha comportato un danno dimostrabile - “attraverso semplici indizi” - davanti al giudice. La causa dello stress quindi deve essere facilmente individuabile e spetta al lavoratore l’onere di provare la causa di servizio.

Il lavoratore quindi dovrà portare le prove che dimostrano una violazione delle clausole contrattuali da parte del datore di lavoro, o una sua negligenza verso le regole generali di correttezza e buona fede.

Il datore di lavoro ha diritto a difendersi dimostrando a sua volta di aver adottato tutte le cautele necessarie per impedire il verificarsi del danno. Qualora al lavoratore venisse riconosciuta la causa di servizio, il danno da stress - inscrivibile nella categoria del danno non patrimoniale - andrebbe risarcito dallo stesso datore di lavoro.

Insomma, il dipendente che per colpa dell’ambiente di lavoro diviene stressato comportando dei danni sulla propria salute psico-fisica ha diritto non solo all’indennità INAIL, ma anche al risarcimento per il danno non patrimoniale.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Datore di lavoro

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]