Europee 2019 Ungheria, sondaggi: vola Orban oltre la maggioranza assoluta

I sondaggi politici in Ungheria in vista delle elezioni europee evidenziano quanto sia forte Viktor Orban nel suo paese: nonostante le proteste per la riforma del lavoro sarebbe oltre il 50%.

Europee 2019 Ungheria, sondaggi: vola Orban oltre la maggioranza assoluta

Nonostante le grandi proteste dei mesi scorsi con i sindacati in piazza contro la nuova riforma del lavoro, previsti adesso fino a 400 ore di straordinari legali in un anno, Viktor Orban starebbe aumentando il suo consenso nel paese.

L’ultimo sondaggio politico in merito all’Ungheria vedrebbe infatti Fidesz, il partito di Orban, largamente in testa con la percentuale bulgara del 52%. In vista delle elezioni europee, il presidente si apresta a fare il pieno di deputati nel suo paese anche se ancora c’è da capire alla fine in quale gruppo si andrà a schierare..

L’Ungheria di Orban

Dopo un primo mandato dal 1998 al 2002, senza dubbi Viktor Orban è l’assoluto dominatore della scena politica ungherese essendo primo ministro, in maniera ininterrotta, ormai dal 2010.

Alle ultime elezioni dell’aprile 2018, il suo partito Fidesz-Unione Civica Ungherese (forza politica conservatrice e di destra anche se appartenente al Partito Popolare Europeo) è riuscito a prendere il 49% dei voti ottenendo così una larga maggioranza in Parlamento (117 seggi su 199).

In questi anni la figura di Orban poi è diventata famosa in Europa anche per la sua linea dura sul tema immigrati: nonostante gli accordi dell’Unione, Budapest finora si è rifiutata di accogliere anche un solo migrante dall’Italia e dalla Grecia.

In generale l’Ungheria sta vivendo comunque un ottimo momento: l’economia galoppa con il Pil nel 2019 stimato a +3,7%, tanto che le aziende magiare si lamentano per la poca manodopera a disposizione in relazione alle commesse.

Se l’economia cresce a venire meno secondo le opposizioni sarebbero al contrario i diritti. Forte del suo largo consenso parlamentare, Orban in questi anni ha più volte modificato la Costituzione ungherese intervenendo in materia di giustizia e libertà civili.

Sondaggi politici: dominio Fidesz

Nei mesi scorsi i sindacati sono scesi in piazza per manifestare contro la riforma del lavoro, che è stata etichettata come una sorta di “riduzione in schiavitù” per i lavoratori ungheresi.

Nonostante queste proteste che hanno riscontrato una buona partecipazione, l’ultimo sondaggio politico di metà aprile realizzato dall’istituto Publicus vedrebbe un Viktor Orban sempre più in altro.

Secondo l’indagine, Fidesz sarebbe ormai al 52% con un +3% rispetto le elezioni parlamentari dello scorso aprile. In calo al 15% c’è poi Jobbik (-4%), partito nazionalconservatore di estrema destra.

In crescita anche il Partito Socialista (+4%) che per il sondaggio sarebbe al 16% e la Coalizione Democratica (+2%), altro partito di centrosinistra, e i liberali di Momentum al 6% (+3%). In calo invece ecologisti di LMP attestati al 4% (-3%)

Se così fosse, alle elezioni europee di fine maggio quindi per Viktor Orban potrebbe essere una sorta di plebiscito: se dovessero essere queste le percentuali del voto in Ungheria, Fidesz potrebbe ottenere anche 15 eurodeputati su un totale di 21 che spettano al paese magiaro.

Gli altri 6 seggi riservati all’Ungheria sarebbero poi divisi in maniera uguale, 2 deputati a testa, tra Jobbik e i Sociliasti, mentre Coalizione Democratica e Momentum ne otterrebbero 1 a testa.

Viktor Orban con ogni probabilità potrà quindi contare nel prossimo Parlamento Europeo su un buon gruppo di deputati. Da capire però quale sarà la loro collocazione, visto che il leader magiaro ha appena rotto con il PPE e sarebbe pronto a sposare il progetto del gruppo sovranista voluto da Matteo Salvini.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Ungheria

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.