Sondaggi politici: il Centrodestra non cresce, il Partito Democratico sì

Antonio Cosenza

8 Dicembre 2020 - 09:21

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Sondaggi politici: Centrodestra in vetta, ma non cresce. Sorride il Partito Democratico che si avvicina alla Lega, mentre il Movimento 5 Stelle deve fare i conti con un calo dei consensi.

Sondaggi politici: il Centrodestra non cresce, il Partito Democratico sì

Sondaggi politici, aggiornamento al 7 dicembre 2020: secondo i rilevamenti effettuati da SWG per il TG La7, questa è stata - e lo sarà ancora - una settimana molto particolare per il Movimento 5 Stelle.

Nella giornata di domani questo dovrà sciogliere le riserve riguardo al voto per la riforma sul MES; un voto sfavorevole potrebbe essere causa di una crisi di governo, uno scenario che il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, vuole assolutamente evitare.

Una crisi che ci porterebbe molto probabilmente a nuove elezioni nel 2021, con le intenzioni di voto che oggi favoriscono nettamente il Centrodestra. I sondaggi politici di SWG, infatti, confermano il netto distacco tra i partiti del CdX e quelli della coalizione di Governo.

Va detto, però, che le ultime intenzioni di voto mostrano anche un assottigliamento del distacco al vertice, dove il Partito Democratico si avvicina alla Lega. E fa riflettere il fatto che a crescere siano quei partiti favorevoli all’attivazione del Fondo Salva Stati, ossia Partito Democratico e Italia Viva di Renzi (che tuttavia resta ancora molto basso nei sondaggi politici).

Ma vediamo nel dettaglio cosa è cambiato nell’ultima settimana e quali sono i partiti politici che possono sorridere guardando ai sondaggi politici.

Sondaggi politici, SWG: sorride il Centrodestra (ma non cresce)

Qualora si votasse oggi, il Centrodestra unito avrebbe ampie possibilità di vincere le elezioni. Nonostante il calo degli ultimi mesi, infatti, la Lega di Matteo Salvini è ancora saldamente in testa.

Il Centrodestra beneficia anche della crescita che in questa fase di emergenza sanitaria ha caratterizzato Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che oggi risulta essere il terzo partito se guardiamo alle preferenze degli italiani rilevate dai sondaggi politici.

Infine c’è Forza Italia che da qualche tempo è ormai ai margini delle posizioni alte della “classifica”, ma che comunque risulta ancora imprescindibile per un’eventuale vittoria del Centrodestra alle urne.

Tuttavia, va detto che il Centrodestra in quest’ultima settimana non è cresciuto, in quanto non ha guadagnato consensi. Sia Forza Italia (6,2% di preferenze) che Fratelli d’Italia (16,4%) sono rimasti stabili nelle intenzioni di voto rilevate dai sondaggi di sette giorni fa, mentre la Lega (salda al vertice con il 24,3%) ha perso persino uno 0,1%.

Resta da capire se si tratta di un immobilismo fisiologico oppure se potrebbe essere precursore di un calo. Solamente la prossima settimana avremo la risposta a questo dubbio.

Sondaggi politici SWG, come se la passano i partiti del Governo?

Meno bene va al Movimento 5 Stelle che - come anticipato - deve fare i conti con un calo delle intenzioni di voto. Probabilmente il M5S paga la notizia riguardante la fronda di pentastellati (7 senatori e 52 deputati) che ha scritto una lettera per ribadire la contrarietà al fondo salva-Stati con il rischio di far saltare il voto atteso per il 9 dicembre (e con la possibilità ne possa nascere una crisi di Governo).

Nel dettaglio, il Movimento 5 Stelle ha perso uno 0,3% rispetto all’ultima settimana e si conferma dietro a Fratelli d’Italia con un 14,7%. Può sorridere invece il Partito Democratico, in quanto ha guadagnato il maggior numero di consensi questa settimana, passando da un 19,8% al 20,4% (+0,6%).

Crescono anche gli altri partiti del Centrosinistra: Sinistra Italiana, ad esempio, guadagna uno 0,1% e si attesta al 3,5%. Bene anche Italia Viva che va al 3,2% (+0,2%) restando però dietro ad Azione di Carlo Calenda (3,4%, -0,1%).

Iscriviti alla newsletter

Money Stories