Sondaggi politici 2017: Partito Democratico in fuga. M5S, addio ballottaggio

icon calendar icon person
Sondaggi politici 2017: Partito Democratico in fuga. M5S, addio ballottaggio

Sondaggi politici, intenzioni di voto su Movimento 5 Stelle, Partito Democratico e Centrodestra: continua il periodo no del M5S, ad oggi fuori da un eventuale ballottaggio.

Sondaggi politici, primi rilevamenti del 2017 da parte di Emg Acqua per il Tg La7.

Con l’inizio del nuovo anno torna il nostro consueto appuntamento con le intenzioni di voto su Movimento 5 Stelle, Partito Democratico e Centrodestra rilevate dai sondaggi politici condotti da Emg Acqua per il Tg La7 di Mentana.

I sondaggi di oggi confermano quanto rilevato la scorsa volta, ovvero che se si votasse oggi con il sistema elettorale dell’Italicum il Movimento 5 Stelle resterebbe fuori da un eventuale ballottaggio. Il partito di Grillo, infatti, fatica ad uscire dal periodo negativo iniziato con l’arresto di Raffaele Marra a Roma. Come testimoniano gli ultimi sondaggi politici elettorali il Movimento 5 Stelle ha perso consensi sia nel primo turno elettorale che in un eventuale ballottaggio nel Partito Democratico.

Il Partito Democratico invece può sorridere e non solo per la situazione in cui si trova il Movimento 5 Stelle. Infatti, i sondaggi politici di oggi, i primi del 2017, rilevano una crescita importante del PD che rispetto a tre settimane fa ha conquistato il +0,8% dei consensi.

Vi ricordiamo però che non è assolutamente detto che alle prossime elezioni politiche si andrà a votare con l’Italicum. Il Governo Gentiloni, infatti, aspetterà la decisione della Corte Costituzionale che il prossimo 26 gennaio si esprimerà in merito all’incostituzionalità dell’Italicum. Tra le alternative la più quotata è quella di un ritorno al Mattarellum, che a differenza dell’Italicum non prevede il ballottaggio.

Potrebbe interessarti anche-Sondaggi politici: M5S, PD e Centrodestra, ecco a chi conviene il Mattarellum.

Nonostante questo è comunque interessante analizzare le intenzioni di voto rilevate da Emg Acqua per farci un’idea di come potrebbero votare gli italiani alle prossime elezioni politiche. Al momento il Movimento 5 Stelle sembra aver perso la fiducia guadagnata nel post referendum costituzionale, mentre il PD è in crescita (“ma più per differenza che per meriti propri” ha dichiarato Masia) .

Il Centrodestra invece continua nel suo percorso di crescita che lo ha portato a superare il Movimento 5 Stelle. Un’eventuale coalizione Forza Italia-Lega Nord-FDI, però, non avrebbe speranze di vincere il ballottaggio e di conseguenza di governare il Paese.

Ma vediamo nel dettaglio le intenzioni di voto su Movimento 5 Stelle, Partito Democratico e Centrodestra nel caso in cui si votasse oggi.

Sondaggi politici elettorali 2017: Partito Democratico in vetta, il crollo del M5S non si ferma

Il 31,5% ottenuto dal M5S nei sondaggi politici della prima settimana di novembre è ormai un lontano ricordo. Oggi infatti le preferenze per il partito di Grillo si attestano al 27,5%, il 4% in meno rispetto allo storico risultato ottenuto due mesi fa.

Probabilmente la causa principale di questo crollo è da attribuire alle difficoltà riscontrate dall’amministrazione romana presieduta dal Virginia Raggi, che hanno fatto perdere un po’ della fiducia che gli elettori avevano riposto nei confronti del Movimento.

Chi invece può sorridere è il Partito Democratico in netta crescita rispetto agli ultimi sondaggi politici del 2016. Se si votasse oggi con l’Italicum, infatti, Matteo Renzi (sempre se sarà lui il candidato per il PD, ma al momento non sembrano esserci dubbi) andrebbe nuovamente al Governo. A quanto pare all’ex premier non conviene molto spingere per un ritorno al Mattarellum.

All’interno del Centrodestra, invece, la situazione non è rosea poiché sia la Lega Nord che Forza Italia sono in calo. Nonostante ciò la coalizione del Centrodestra è ancora avanti al M5S e questo è sufficiente per permettergli di andare al ballottaggio.

Nel dettaglio, le intenzioni di voto degli italiani nel caso in cui si votasse con un Centrodestra unito sono le seguenti:

  • Partito Democratico: 32,2% (+0,5%);
  • Centrodestra: 29,2% (-0,6%);
  • Movimento 5 Stelle: 28,7% (-0,6%)
  • NCD-UDC: 3,9% (+0,2%)
  • Sinistra Italiana: 3,5% (+0,2%)
  • Altro partito: 2,5% (+0,3%)

È interessante vedere che se si votasse oggi con il Mattarellum, che ricordiamo prevede una soglia di sbarramento al 4%, né NCD-UDC né Sinistra Italiana entrerebbero in Parlamento.

Sondaggi politici elettorali 2017: Partito Democratico al governo, ecco perché

Al momento i sondaggi politici sorridono al Partito Democratico, perché se si votasse oggi con l’Italicum questo andrebbe al Governo.

Infatti, in un ballottaggio con il Centrodestra il PD otterrebbe la maggioranza dei voti (54,6%, +0,9%). Il Partito Democratico, inoltre, guadagna consensi anche in un eventuale (ma al momento poco probabile), ballottaggio con il M5S. Infatti, come possiamo vedere dalla grafica sottostante, il M5S ha perso l’1,3% a testimonianza del periodo negativo che sta attraversando.

Chiudi X