Settore auto: è una crisi senza fine? Giugno pessimo per l’Europa

Violetta Silvestri

15 Luglio 2022 - 12:54

condividi

Non si ferma la crisi nera del settore automobili in Europa: il mese di giugno ha registrato dati di vendita pessimi, che rimarcano tutti i problemi dell’automotive. Il comparto si riprenderà?

Settore auto: è una crisi senza fine? Giugno pessimo per l'Europa

Le case automobilistiche hanno registrato il minor numero di veicoli nuovi nell’Unione Europea dal 1996, con i persistenti blocchi della catena di approvvigionamento e l’inflazione record che stanno colpendo il settore in modo grave.

Alcuni gruppi dell’automotive hanno registrato un calo delle immatricolazioni di quasi il 50%, secondo i dati dell’associazione automobilistica europea di venerdì 15 luglio.

I prezzi al consumo alle stelle, i colli di bottiglia nelle supply chain, l’aumento dei casi di coronavirus in alcuni Paesi e la continua carenza di chip sono solo alcuni dei problemi che affliggono l’industria automobilistica nella regione, che ha registrato 12 mesi consecutivi di calo.

Il mese di giugno 2022 è stato uno dei peggiori da decenni per il comparto auto in Europa: tutti i dati.

Immatricolazioni auto in Europa: è record negativo

Le vendite di auto nuove nell’Ue e in altri quattro stati monitorati dall’Associazione europea dei produttori di automobili sono diminuite del 17% a 1,07 milioni il mese scorso. Volkswagen è stata la principale casa automobilistica più colpita, con le immatricolazioni in calo del 24% rispetto a un anno fa.

Mentre i produttori tra cui VW, BMW AG e Mercedes Benz AG hanno affermato il mese scorso che la carenza di semiconduttori ha iniziato ad attenuarsi, ci vuole tempo prima che qualsiasi aumento della produzione arrivi a concretizzarsi negli showroom. I produttori sono alle prese anche con i costi delle materie prime e dell’energia, che contribuiscono all’aumento dei prezzi dei veicoli.

“L’industria non supererà presto i vincoli di fornitura”, ha affermato LMC Automotive in un aggiornamento di questo mese. “Un’altra preoccupazione riguarda la domanda sottostante, che si è indebolita negli ultimi mesi a causa del deterioramento delle prospettive economiche”.

Nei dati aggiornati a giugno, tutti e quattro i principali mercati dell’Unione Europea - Spagna, Italia, Germania e Francia - hanno registrato un calo delle immatricolazioni di auto. Durante il primo semestre, per esempio, Stellantis ha registrato il tonfo più grande finora, al 21,1%.

Tra i marchi più piccoli, le nuove immatricolazioni di Volvo sono diminuite del 47,9% a giugno e del 28,5% nella prima metà dell’anno, mentre il Gruppo Jaguar Land ha registrato un calo minore a giugno al 13,2%, ma il colpo più forte di quest’anno per adesso, a 34,7%.

Previsioni ancora incerte per l’automotive

Secondo Bloomberg Intelligence, le vendite nei principali mercati tra cui Germania e Regno Unito potrebbero tornare a crescere questo mese, grazie a un facile confronto di un anno fa. Non sarà comunque facile compensare le perdite di produzione durante il primo semestre.

LMC Automotive ora stima che le consegne di autovetture nell’Europa occidentale scenderanno del 6,3% quest’anno a 9,92 milioni. A gennaio, il ricercatore di mercato ha previsto che le vendite sarebbero cresciute di quasi il 9%.

La previsione della domanda rimane ostica a causa del rischio che la carenza di energia peggiori. Il condotto principale per il gas russo verso l’Europa è stato interrotto per manutenzione questa settimana e Berlino e i suoi alleati si stanno preparando a un taglio totale dei flussi da parte di Putin.

Una crescente paura riguarda i potenziali arresti degli impianti in Germania legati alla carenza di energia, ha scritto Tom Narayan, analista automobilistico europeo di RBC Capital Markets, in un rapporto del 5 luglio. La preoccupazione ha più a che fare con la catena di approvvigionamento (gli stabilimenti chimici in Germania sono legati alla plastica utilizzata per i componenti delle automobili, ecc.).

Inoltre, le case automobilistiche hanno compensato la perdita di volume addebitando prezzi più elevati e concentrandosi sui loro modelli più costosi e redditizi. Ma con l’inflazione in aumento e i consumatori che riducono la spesa, questa strategia potrebbe scontrarsi con dei limiti.

“Siamo un po’ cauti riguardo alle prospettive del prossimo anno”, ha detto l’amministratore delegato di VW Herbert Diess in un’intervista la scorsa settimana con Bloomberg Television, prevedendo ancora un mondo instabile.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.