Punteggi test Medicina 2022 pubblicati oggi: ecco cosa succede adesso

Simone Micocci

14 Settembre 2022 - 12:40

condividi

Test Medicina 2022: pubblicati i punteggi, ma per la graduatoria definitiva bisognerà attendere fine mese. Tuttavia, si hanno nuovi elementi per quantificare il tanto aspirato “punteggio minimo”.

Punteggi test Medicina 2022 pubblicati oggi: ecco cosa succede adesso

Dopo il test di Medicina del 6 settembre, al termine del quale sono state pubblicate le soluzioni, oggi sul sito di Universitaly sono stati pubblicati i punteggi ottenuti dai singoli candidati.

Ogni aspirante matricola, quindi, fin da subito può accedere al sito di Universitaly e controllare il proprio punteggio. Va detto che i punteggi sono anonimi, in quanto vengono ordinati secondo il codice etichetta: tuttavia, tutti quei candidati che sono stati lungimiranti, e si sono appuntati il codice alfanumerico a loro assegnato, non avranno difficoltà nell’individuare il punteggio da loro ottenuto.

A questo punto la domanda che si pongono gli studenti, specialmente quelli che è la prima volta che partecipano al test di Medicina, riguarda le tappe future. O meglio: perché i punteggi pubblicati oggi sono così importanti? E quali sono le prossime tappe che ci porteranno a scoprire chi effettivamente potrà iscriversi alla facoltà di Medicina per l’anno accademico 2022-2023?

Punteggi Medicina pubblicati su Universitaly: a cosa servono?

Intanto con i punteggi del test di Medicina pubblicati oggi i candidati che ricordano il loro codice alfanumerico, praticamente tutti, scopriranno qual è il risultato da loro ottenuto.

Vero che era possibile farsi un’idea già con la pubblicazione delle soluzioni avvenuta nella giornata del test, martedì 6 settembre, ma solamente oggi si ha la certezza delle proprie supposizioni.

Ma la pubblicazione dei punteggi anonimi è importante anche perché ci dà qualche elemento in più per valutare qual è il punteggio minimo con cui quest’anno si potrà accedere alla facoltà di Medicina. Già subito dopo la pubblicazione dei punteggi, che ricordiamo sono ordinati secondo il codice etichetta, c’è stato chi ha riordinato il tutto sulla base dei punteggi ottenuti.

In questo modo, considerando il numero dei posti a disposizione, 15.876 per l’esattezza, è possibile farsi un’idea di quello che è il punteggio minimo per entrare. Va detto che c’è un fattore che non ci permette di fare una previsione certa: anche riordinando i punteggi, infatti, non ne risulterebbe una graduatoria definitiva visto che non si tiene conto delle preferenze di ateneo inserite da ciascuno studente.

Ricapitolando, l’appuntamento di oggi è importante perché ci dà qualche indicazione in più su chi ha buone possibilità d’immatricolarsi a Medicina e chi invece meno. Ad esempio, secondo le previsioni a ribasso il punteggio minimo quest’anno dovrebbe aggirarsi intorno ai 35 o 36 punti, mentre i meno ottimisti parlano di 43 punti. Una cosa sembra essere certa: con meno di 35 punti bisognerà ritentare il prossimo anno.

Cosa succede adesso?

Una volta venuti a conoscenza del punteggio ottenuto al test di Medicina non resta che aspettare. Al massimo in questi giorni potete consultare le varie previsioni sul punteggio minimo (qui trovate le nostre considerazioni), ma ricordate di non prenderle per buone al 100% visto che sono state elaborate tenendo conto dei pochi elementi a disposizione, senza il dato - fondamentale - delle preferenze indicate dagli studenti al momento dell’iscrizione.

Per avere la certezza assoluta su quello che è il punteggio minimo bisognerà attendere infatti il 29 settembre, giorno in cui verrà pubblicata la graduatoria nominativa nazionale. Allora sì che si saprà chi è entrato a Medicina, mentre gli esclusi dovranno sperare nei successivi scorrimenti di graduatoria.

Nel mezzo c’è un appuntamento intermedio: il 23 settembre, infatti, il ministero dell’Università e della Ricerca caricherà nell’area riservata di ogni studente il modulo risposte. Chi non ricorda il proprio codice alfanumerico, e quindi con i punteggi pubblicati oggi non ha avuto le risposte che cercava, dovrà dunque attendere la prossima settimana per sapere com’è andato il test.

Iscriviti a Money.it