Proroga moratoria mutui e prestiti: domanda e novità per imprese e professionisti

Rosaria Imparato

24/05/2021

24/05/2021 - 16:54

condividi

Il DL Sostegni bis contiene la proroga di mutui e prestiti sia per le imprese che per i professionisti. Vediamo quali sono le novità e in che tempi presentare la domanda.

Proroga moratoria mutui e prestiti: domanda e novità per imprese e professionisti

Nel pacchetto di aiuti del decreto Sostegni bis per imprese e professionisti compare anche la proroga delle moratorie in atto, così come i prestiti garantiti dallo Stato.

Si tratta delle misure previste dal decreto Cura Italia. Con l’intervento del Sostegni bis sarà possibile prorogare fino a fine 2021 i finanziamenti con garanzia pubblica, così come l’allungamento da 6 a 10 anni senza penalizzazioni sulla percentuale garantita.

Per quanto riguarda la modalità di presentazione della domanda, basterà una semplice email, ma sarà di fondamentale importanza rispettare le scadenze stabilite.

Proroga moratorie mutui imprese nel decreto Sostegni bis: basta un’email per fare domanda

Il decreto Sostegni bis concentrerà le sue forze su imprese, lavoro e professioni. Gran parte delle misure saranno quindi a favore delle partite IVA e come sostegno al lavoro in generale.

Un aiuto per le imprese verrà dato non solo con i contributi a fondo perduto, ma anche in modo indiretto, con la proroga delle moratorie attualmente in atto. Chi è titolare di una sospensione garantita potrà prorogarla oltre la scadenza attuale del 30 giugno. La nuova scadenza sarà il 31 dicembre, ma solo per la quota di capitale.

Naturalmente per i dettagli si aspetta il testo del provvedimento, ma si dovrebbe mantenere le modalità per fare domanda istituita dal decreto Liquidità, e per chiedere la proroga della sospensione del mutuo basterà mandare una email.

La data da segnare in rosso sul calendario è il 15 giugno: metà mese è il termine ultimo per inviare la comunicazione, altrimenti la moratoria viene considerata terminata.

La proroga quindi non scatta in modo automatico: l’obiettivo è quello di evitare che l’impresa accumuli maggiori oneri da rimborsare una volta che riprendono i pagamenti e che quindi aumenti il rischio che quel prestito si trasformi in un credito deteriorato per le banche.

Proroga prestiti per le imprese: le novità nel decreto Sostegni bis

Nel provvedimento economico da 40 miliardi ci sarà spazio anche la proroga dei prestiti garantiti dallo Stato. Le novità riguardano in particolare i prestiti chiesti dopo il 1° luglio:

  • la garanzia scende dal 100 al 90% per i prestiti fino a 30mila euro;
  • oltre i 30mila euro la garanzia scende dal 90 all’80%, a prescindere dalla durata richiesta.

Per i nuovi prestiti non è più previsto il tetto massimo al tasso d’interesse.

Argomenti

# Mutuo
# PMI

Iscriviti a Money.it