Pnc: fondi mettono in pressing le banche italiane

Stando agli ultimi dati riportati da Consob, rispetto alla scorsa settimana, è aumentata in maniera sostanziale l’esposizione corta su alcune banche italiane. Nello specifico, UBI Banca sale al secondo posto tra le quotate a Piazza Affari più shortate dai fondi

Pnc: fondi mettono in pressing le banche italiane

La settimana appena trascorsa è stata particolarmente dura per le azioni italiane, che hanno dovuto fare i conti con la situazione politica instabile e con i timori per una prossima recessione, testimoniati dal Pil tedesco e dall’inversione della curva dei tassi Usa per la prima volta dal 2007.

In questo quadro, come sono variate le posizioni nette corte a Piazza Affari rispetto allo scorso 9 agosto? Stando a quanto riportato da Consob, l’esposizione corta è incrementata in maniera importante sugli istituti di credito e finanziari d’Italia.


Elaborazione Ufficio Studi di Money.it su dati Consob al 16/8/2019

In particolare, l’incremento più importante è quello relativo a UBI Banca, che ha visto salire la pressione delle mani forti dell’1,25% del capitale sociale.

Le mani forti hanno accresciuto la loro quota di ribassi anche su Banco BPM e su Azimut: rispetto al 9 agosto, le due società vedono uno 0,68% di capitale in più sotto la morsa ribassista degli hedge funds.

Notizie positive per Astaldi, che vede liberarsi una posizione corta e l’1,14% di capitale in ottica short. Si riducono le operazioni ribassiste anche per IMA, nello specifico, l’azienda ha beneficiato di un decremento di una Pnc e dello 0,49% di capitale.

La situazione generale a Piazza Affari


Elaborazione Ufficio Studi di Money.it su dati Consob al 16/8/2019

Rispetto alla scorsa settimana, UBI Banca è salita al secondo posto delle società più shortate di Piazza Affari. Nello specifico, l’esposizione dei fondi è aumentata al 7,15% di capitale, per un totale di 7 posizioni nette corte.

Banco BPM resta invece al primo posto, con 7 Pnc e l’8,1% di capitale in mano ai fondi per lo short. Con una flessione al 6,63% di capitale, scende al terzo posto Maire Tecnimont.

Con lo 0,51% di capitale detenuto dagli hedge funds in ottica ribassista, entrano in classifica Datalogic e Gimatt, su entrambe pesa una posizione netta corta.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.