Il piano anti-Covid di Biden: ecco come gli Stati Uniti fronteggeranno il coronavirus

L’epidemia continua a correre negli Stati Uniti, ma il nuovo presidente appena eletto ha già pronta una strategia che attuerà dal giorno uno. Ecco cosa prevede il piano anti-Covid di Biden.

Il piano anti-Covid di Biden: ecco come gli Stati Uniti fronteggeranno il coronavirus

Il neo eletto presidente degli Stati Uniti è pronto a stravolgere la politica degli States per come la conosciamo da 4 anni a questa parte, partendo proprio dalla gestione dell’emergenza sanitaria.

Joe Biden ha già annunciato di avere pronte delle misure in grado di fronteggiare la diffusione del coronavirus, come ha più volte ribadito nei suoi discorsi elettorali prima dell’Election Day. Ecco come intende controllare l’epidemia il nuovo presidente degli Stati Uniti a partire dal 20 gennaio, il giorno del suo insediamento alla Casa Bianca.

Il piano anti-Covid di Biden

Il piano di Biden per fronteggiare l’emergenza sanitaria sembra essere già pronto per l’attuazione. La strategia del candidato democratico per riportare sotto controllo l’avanzata del virus che continua a correre negli Stati Uniti si declina in 5 punti, basati sulla scienza e su una leadership disciplinata e affidabile:

  • Ristabilire fiducia, credibilità e obiettivo comune, ponendo fine alla disinformazione e assicurando che le decisioni siano prese dagli esperti e non sai politici;
  • Rendere gratuiti il sistema di test e tamponi per chiunque lo richieda, rafforzando anche la rete di laboratori e creando almeno 10 drive-in in ogni Stato.
  • Ampliare i programmi di sorveglianza del Cdc e aumentare i servizi di telemedicina, soprattutto per i pazienti anziani, e per le persone più a rischio o con disabilità.
  • Proteggere maggiormente i medici e gli operatori sanitari, figure indispensabili per la gestione degli infetti;
  • Accelerare lo sviluppo di trattamenti e vaccini, precisando che “qualsiasi persona, assicurata o meno, non debba pagare un solo dollaro per visite mediche legate al Covid, assistenza preventiva, tamponi e per un eventuale vaccino”.

Un’attenzione particolare viene data anche al sostegno finanziario delle famiglie, dei lavoratori e delle piccole aziende, maggiormente colpite dalla pandemia. L’intento di Biden è quello di adottare delle misure “immediate e coraggiose”, in grado di stabilizzare l’economia del Paese.

La nuova task force

Tra i progetti di Joe Biden c’è anche la creazione di una nuova task force che vada a sostituirsi a quella attuale. Già a partite da oggi potrebbero apparire i primi nomi degli scienziati ed esperti nominati dal nuovo presidente, che entreranno in azione a partire dal 20 gennaio, il giorno del suo insediamento. Secondo delle prime indiscrezioni, tra i vari esperti che potrebbero essere nominati troviamo anche Zeke Emanuel, consigliere dell’ex presidente Obama, Julie Morita, l’ex commissario per la Sanità di Chicago e David Kessler, l’ex commissario della FDA. Prima ancora che venisse confermata la sua vittoria Biden aveva preannunciato:

“Mentre aspettiamo i risultati finali voglio che la gente sappia che non stiamo con le mani in mano. Non possiamo salvare le vite che sono già state perse ma possiamo salvare molte vite nei prossimi mesi”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories