Pensioni, novità: ecco chi sarà incaricato di ideare la nuova riforma

Riforma delle pensioni, il Ministro del Lavoro ha già in mente i nomi che parteciperanno alla commissione incaricata di superare la Legge Fornero.

Pensioni, novità: ecco chi sarà incaricato di ideare la nuova riforma

Riforma delle pensioni: il Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, è tornata a parlare dei progetti futuri del Governo, ribadendo che il superamento della Legge Fornero è una priorità.

Lo ha fatto in un’intervista rilasciata per il Fatto Quotidiano, nella quale ha fatto chiarezza su quali saranno le figure interpellate dal Governo per ideare la nuova riforma delle pensioni, nonché su quali saranno i passaggi da seguire.

La Catalfo ha parlato anche di Quota 100, ancora oggetto di discussioni: nel dettaglio, il Ministro del Lavoro - che tra l’altro si è detta soddisfatta per gli ultimi dati sull’occupazione, oltre a difendere il reddito di cittadinanza - ha smentito qualsiasi ipotesi di modifica, confermando Quota 100 almeno fino alla fine della sperimentazione. “Non ci saranno revoche, ai cittadini bisogna dare certezze”, ha dichiarato la Catalfo.

Quindi Quota 100 sì, mentre la riforma Fornero del 2011 sembra avere le ore contate. Vediamo a tal proposito chi siederà intorno al tavolo che avrà come compito quello di pensare alla nuova riforma del sistema previdenziale italiano.

Riforma pensioni: per il Ministro del Lavoro è una “priorità assoluta

Il Ministro Catalfo ha ribadito nuovamente la sua intenzione di approvare una riforma delle pensioni in tempi brevi. Sarà questo uno degli obiettivi del Governo nel 2020, ed è per questo che sono state istituite due diverse commissioni: una per i lavori gravosi, così da verificare se esistono i presupposti per un ampliamento dell’elenco, e un’altra per la suddivisione tra assistenza e previdenza.

A queste due commissioni se ne aggiungerà una terza, formata da un gruppo di esperti, che avrà il compito di pensare al miglior modo possibile per superare la riforma Fornero una volta per tutte. Occorre precisare, infatti, che la legge previdenziale in vigore è ancora quella fatta approvare dalla Fornero nel 2011, in quanto misure come Quota 100 altro non sono che vie d’uscita potenziali e facoltative.

Il primo obiettivo è di raccogliere più dati possibili. Solo da un esame approfondito dell’attuale situazione, infatti, si potrà definire il modo migliore per mandare prima in pensione i lavoratori, partendo da quelli addetti alle mansioni gravose.

Riforma pensioni: ecco chi parteciperà ai lavori

La Catalfo ha indicato coloro che faranno parte della commissione incaricata di pensare ad una riforma definitiva del sistema pensionistico introdotto dalla Fornero. Nel dettaglio, ci saranno sicuramente il Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’Inps, oltre alle parti sociali (“i sindacati in primis”).

Alla commissione parteciperanno anche degli esperti; tra i nomi fatti dal Ministro Catalfo figurano quello di Stefano Giubboni, ordinario di Diritto del Lavoro all’Università di Perugia, Roberto Riverso, consigliere della Corte di Cassazione, e Giovanni Geroldi, docente ordinario di Scienze delle Finanze all’Università di Parma ed ex direttore.

Riforma pensioni: Quota 100 non si tocca

Qualsiasi riforma delle pensioni, però, non andrà a toccare la fase di sperimentazione di Quota 100. La Catalfo ha garantito che non ci saranno modifiche: notizie di un ritorno immediato di Quota 102, quindi, al momento sono da catalogare come fake news.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Pensione

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.