Pensioni sempre più basse? Occhio alle trattenute

Sull’importo delle pensioni pesano le trattenute che ogni mese tolgono qualche euro dall’assegno: tra queste quelle sindacali che è possibile disdire inviando domanda all’INPS.

Pensioni sempre più basse? Occhio alle trattenute

Se avete notato una riduzione della vostra pensione uno dei motivi potrebbe essere l’applicazione delle trattenute sindacali sull’assegno mensile.

La trattenuta sindacale sulle pensioni è l’importo che volontariamente i pensionati, così come i lavoratori dipendenti o i disoccupati, versano ad un determinato sindacato a titolo di contributo associativo.

Capita spesso tuttavia di non essere a conoscenza dell’iscrizione al sindacato e dell’applicazione della relativa decurtazione a titolo di quota di iscrizione dall’assegno pensionistico.

Può capitare infatti che al Caf, presso un Patronato o in caso di pratiche da sbrigare presso Enti legati ad associazioni sindacali, venga chiesto di firmare una serie di documenti e può capitare ancora più spesso (purtroppo..) che si firmi senza leggere bene a cosa si sta dando l’autorizzazione.

Se siete tra coloro che si chiedono perché la pensione è sempre più bassa e cos’è la voce trattenuta sindacale sul cedolino INPS consigliamo di continuare la lettura dell’articolo.

Pensioni, cosa sono le trattenute sindacali

Come anticipato sopra, le trattenute sindacali sulle pensioni sono una delle voci che contribuiscono ad “alleggerire” l’assegno mensile. Si tratta dell’importo, che di norma non supera i 20 euro, che i pensionati pagano a titolo di quota associativa.

Con l’iscrizione al sindacato, infatti, i contribuenti (pensionati, lavoratori dipendenti o disoccupati) possono usufruire di una serie di servizi, alcuni di questi forniti a titolo gratuito o ad un prezzo di vantaggio, come la presentazione della dichiarazione dei redditi per il tramite del Caf.

L’adesione al sindacato è sempre volontaria e, una volta firmato il modulo di iscrizione, il rinnovo è automatico e annuale, così come l’addebito della trattenuta sulla pensione.

Può capitare, dopo anni, di chiedersi cosa è e cosa significa la trattenuta sindacale sull’assegno relativa ad un’iscrizione della quale non si ha più memoria e che magari non risulta più utile e necessaria.

In tal caso è possibile fare domanda di disdetta all’INPS e richiedere l’interruzione dell’applicazione della trattenuta, con tempistiche che sono tutt’altro che brevi.

Disdetta sindacato: come richiedere all’INPS la cessazione della trattenuta

Per evitare l’addebito della quota di iscrizione al sindacato è possibile inviare domanda di disdetta all’INPS.

Non esiste un modulo precompilato ma la lettera dovrà essere redatta in carta libera ed inviata tramite raccomandata ad IPOST.

Alla domanda per disdire la trattenuta sindacale sulla pensione dovrà essere allegata una fotocopia del proprio documento di identità.

Se fino ad ora la procedura sembra semplice, diverso è il discorso per i tempi. Una volta ricevuta la richiesta di revoca, la cessazione della trattenuta non avverrà in via immediata.

Le decorrenze per la disdetta dal sindacato e per l’interruzione del pagamento della trattenuta sono le seguenti:

  • 1° aprile per le domande di revoca lavorate dal 16 dicembre al 15 marzo dell’anno successivo;
  • 1° luglio per le domande di revoca lavorate dal 16 marzo al 15 giugno;
  • 1° ottobre per le domande di revoca lavorate dal 16 giugno al 15 settembre;
  • 1° gennaio dell’anno successivo per le domande di revoca lavorate dal 16 settembre al 15 dicembre.

Fino a tali date l’INPS continuerà ad applicare la trattenuta di iscrizione al sindacato sulla pensione.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Pensione

Argomenti:

Pensione INPS Sindacati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.