Coronavirus, “nuovo lockdown possibile”: ecco chi l’ha detto

Nicola Zingaretti non esclude l’ipotesi di un nuovo lockdown in Italia: “Se non siamo responsabile è quella la via che dovremo intraprendere”.

Coronavirus, “nuovo lockdown possibile”: ecco chi l'ha detto

Coronavirus: “l’errore che l’Italia non deve commettere è confondere l’idea che abbassare la guardia eliminando precauzioni significhi velocizzare l’uscita dall’emergenza sanitaria”. A pronunciare queste parole è il leader del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, secondo cui è necessario prestare la massima attenzione per evitare che la curva dei contagi aumenti ancora costringendo il Governo a prendere in considerazione l’ipotesi di un secondo lockdown.

Il segretario del Partito Democratico ne ha parlato con Luca Telese nel corso del collegamento video per l’evento “Riparte l’Italia, insieme per ricostruire” che in questi giorni si sta tenendo a Bologna.

Secondo Zingaretti l’approccio giusto è quello della massima prudenza; il segretario dem, quindi, è in pieno accordo con la linea adottata dal Governo Conte, in quanto ritiene che un ritorno alla normalità con l’allentamento delle restrizioni introdotte per contenere la pandemia sarà possibile solamente “quando ci sarà il vaccino”. Fino ad allora “tornare a vivere significa rispettare le regole”.

E dal segretario del PD arriva anche la conferma che - nonostante le smentite di Conte e Speranza - non è da escludere un secondo lockdown.

Nuovo lockdown possibile secondo Zingaretti

Il premier Conte in queste settimane ha sempre escluso l’ipotesi di un secondo lockdown, tant’è che in queste ore il premier sta riflettendo sulla possibilità di non prorogare lo stato d’emergenza oltre il 15 ottobre, trovando però un sistema per mantenere divieti e obblighi introdotti per contenere la pandemia.

Non è dello stesso avviso Nicola Zingaretti, leader del Partito Democratico e governatore della Regione Lazio. Nel dettaglio, alla domanda posta da Telese riguardo alla possibilità di un secondo lockdown in Italia, Zingaretti ha risposto così:

Non escludo nulla, se non rispettiamo le regole andiamo a finire lì.

Zingaretti, quindi, fa un appello alla responsabilità degli italiani: essere prudenti oggi ci permetterà di evitare lo scenario di un nuovo lockdown, misura che secondo il segretario dem potrebbe essere necessaria nel caso in cui la curva dei contagi continuasse a salire.

Un nuovo lockdown è tra l’altro un rischio che l’Italia non può correre: come sottolineato da Zingaretti, infatti, “la nostra economia non potrebbe in alcun modo sopportare un nuovo ciclo come quello che abbiamo alle nostre spalle”.

Zingaretti è fiducioso: “L’Italia ce la farà”

Il coronavirus esiste e se oggi l’Italia ha una curva sotto controllo - essendo uno dei Paesi europei con il minor numero di contagiati - dipende proprio dalle regole rigide introdotte da Governo Conte, come ad esempio l’obbligo di indossare la mascherina in determinate circostanze e il divieto di assembramento.

A tal proposito, questo si è detto fiducioso riguardo al fatto che presto l’Italia potrà dirsi fuori dal rischio di una seconda ondata e di un - probabile - nuovo lockdown: ce la faremo, ma solo se “rispetteremo quelle cose semplici da fare, dalle mascherine all’igienizzazione delle mani, al distanziamento sociale”.

Un altro consiglio che Zingaretti dà è quello di vaccinarsi contro l’influenza stagionale se Over 60 (tra l’altro nel Lazio l’ha reso obbligatorio). E ancora: evitare di affollare le metropoli di eventi di massa che sono possibili focolai e prestare attenzione durante la movida notturna.

E infine un consiglio al Governo Conte: l’Italia è nella fase di ricostruzione, una prova che non possiamo assolutamente fallire. E in questo scenario “il MES” - insieme al Recovery Fund - “è la madre di tutte le prove”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories