Nuovi contributi a fondo perduto in arrivo: ecco per chi e come fare domanda

Rosaria Imparato

18 Ottobre 2022 - 16:32

condividi

Nuovi contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati per le imprese con progetti green: ecco a chi spettano gli incentivi e come fare domanda.

Nuovi contributi a fondo perduto in arrivo: ecco per chi e come fare domanda

Sono in arrivo nuovi incentivi che fanno parte del Green New Deal italiano. Si tratta di contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione. Ma a chi spettano questi incentivi e come fare domanda?

Innanzitutto, a essere finanziati sono i progetti che hanno obiettivi come la decarbonizzazione dell’economia, economia circolare, riduzione dell’uso della plastica e sostituzione della plastica con materiali alternativi, rigenerazione urbana, turismo sostenibile, adattamento e mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico.

Vediamo quali sono i tipi di impresa che possono fare domanda, come presentare istanza e le scadenze da rispettare.

Nuovi contributi a fondo perduto in arrivo: a chi spettano gli incentivi

A poter fare domanda per i nuovi incentivi sono le imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria e centri di ricerca, che presentano progetti singolarmente o in forma congiunta.

La misura, disciplinata dal decreto 1° dicembre 2021 del ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze, è destinata al sostegno dei progetti di imprese ammesse ai finanziamenti agevolati del FRI (Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca), e prevede la concessione di contributi a sostegno delle attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e, per le pmi, di industrializzazione dei risultati della ricerca e sviluppo.

I progetti ammissibili inoltre devono:

  • essere realizzati nell’ambito di una o più unità locali ubicate nel territorio nazionale;
  • prevedere spese e costi ammissibili non inferiori a 3 milioni e non superiori a 40 milioni di euro;
  • avere una durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 36 mesi;
  • essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazioni.

Per sostenere questi progetti sono previsti due tipi di agevolazioni: contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati.

Come fare domanda per i nuovi contributi a fondo perduto

Le imprese accedono alle agevolazioni secondo due distinte procedure:

  • a sportello, per i programmi di importo non inferiore a 3 milioni e non superiore a 10 milioni di euro, con un massimo di tre imprese partecipanti
  • negoziale, per i programmi di importo superiore a 10 milioni e non superiore a 40 milioni di euro, con un massimo di cinque imprese partecipanti.

La domanda si può presentare esclusivamente online dal 17 novembre 2022, anche in forma congiunta, dal lunedì al venerdì (ore 10.00-18.00).

A partire dal 4 novembre 2022 sarà possibile avviare la procedura di precompilazione delle domande accreditandosi all’area riservata, accessibile dal sito del Soggetto gestore (https://fondocrescitasostenibile.mcc.it). Per informazioni sulla presentazione dei progetti si può usare l’indirizzo info_domandefcs@mcc.it.

A quanto ammontano gli incentivi

Per l’agevolazione dei progetti sono disponibili:

  • 600 milioni di euro per la concessione dei finanziamenti agevolati, a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca (FRI), di cui:
    • 300 milioni destinati ai progetti che accedono alla procedura a sportello;
    • 300 milioni destinati ai progetti che accedono alla procedura negoziale;
  • 150 milioni di euro per la concessione dei contributi, di cui:
    • 75 milioni destinati ai progetti che accedono alla procedura a sportello;
    • 75 milioni destinati ai progetti che accedono alla procedura negoziale.

I contributi a fondo perduto spettano per una percentuale massima delle spese e dei costi ammissibili di progetto:

  • pari al 15% come contributo alla spesa, a sostegno delle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale e per l’acquisizione delle prestazioni di consulenza relative alle attività di industrializzazione;
  • pari al 10% come contributo in conto impianti, per l’acquisizione delle immobilizzazioni oggetto delle attività di industrializzazione.

I finanziamenti agevolati del FRI di importo pari al 60% dei costi di progetto, accompagnati da finanziamenti bancari per il 20% e in presenza di idonea attestazione creditizia.

Iscriviti a Money.it