Multa per chi esce dalla Regione: cosa si rischia

Isabella Policarpio

13 Aprile 2021 - 11:35

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Non si può uscire dalla Regione di residenza/domicilio fino (almeno) alla fine di aprile. Chi lo fa cosa rischia? Quanto costa la multa e quali sono le conseguenze penali e amministrative? Ecco cosa sapere.

Multa per chi esce dalla Regione: cosa si rischia

Quanto costa la multa per chi esce dalla Regione? Se lo chiedono in molti, dato che il divieto di oltrepassare i confini regionali è stato prorogato fino al 30 aprile.

La sanzione per chi non rispetta il divieto è di tipo amministrativo e, nei casi più gravi, può raggiungere i 1.000 euro. Tuttavia la legge ammette lo sconto - a chi paga entro 5 giorni - e la possibilità di fare ricorso.

In questo approfondimento la risposta a tutte le domande sulla multa per gli spostamenti interregionali, quando sono vietati, quando si possono fare e per quali motivi.

Quanto costa la multa per chi esce dalla Regione

Chi, senza uno dei motivi che vedremo, si sposta verso un’altra Regione rischia la multa da 400 a 1.000 euro, imposta dal decreto Cura Italia per le violazioni ai decreti legge e Dpcm dell’emergenza Covid.

L’importo della sanzione è stabilito discrezionalmente dalla Forze dell’ordine che, in caso di più violazioni, possono aumentarla fino alla metà.

Rischia la multa anche chi viaggia in auto senza rispettare la distanza di sicurezza tra i passeggeri o indossare la mascherina protettiva (se non conviventi).

La multa può essere pagata in misura ridotta entro 5 giorni - al pari della altre sanzioni stradali - e si può chiedere il pagamento a rate se si soddisfano determinati requisiti di reddito.

La legge ammette che si possa fare ricorso contro tale sanzioni, nelle forme e nei modi previsti dalla legge e indicati nel verbale della multa:

“Il cittadino che non condivida il verbale di accertamento di violazione redatto dall’agente operante può pertanto fare pervenire scritti e documenti difensivi al Prefetto, secondo quanto previsto dagli artt. 18 e seguenti della Legge 24 novembre 1981, n. 689.”

Maggiori dettagli nel nostro articolo di approfondimento su Multe misure anti-Covid: si possono contestare? Quando e come fare ricorso

Quando ci si potrà spostare da una Regione all’altra?

Difficile rispondere con esattezza a questa domanda. Il premier Draghi e il Ministro Speranza hanno fatto intendere che, nonostante alcuni dati in miglioramento, bisogna comunque procedere con cautela.

Senza dubbio non ci si potrà spostare tra una Regione e l’altra prima di maggio (se non nei casi previsti nell’autocertificazione).

Chi può spostarsi tra Regioni?

Il divieto di spostarsi oltre i confini regionali non è assoluto. Ecco chi e per quali motivi può effettuare tali spostamenti senza rischia la multa:

  • chi lavora o studia fuori Regione;
  • chi deve effettuare visite mediche, operazioni o è spinto a altri motivi di salute;
  • chi ha comprovati motivi di necessità e urgenza.

Inoltre i decreti in vigore ammettono che si possa uscire dalla Regione per tornare al luogo di residenza, domicilio e abitazione, raggiungere la seconda casa (anche in zona rossa), assistere un parente solo e disabile o partecipare al funerale di un parente stretto e passare del tempo con i figli collocati presso l’altro genitore (per genitori divorziati o separati).

Argomenti

# multa
# DPCM

Iscriviti alla newsletter