Modello Rli 2023 editabile e istruzioni compilazione

Patrizia Del Pidio

23 Gennaio 2023 - 13:06

condividi

Il Modello Rli da utilizzare nel 2023 è quello rilasciato e aggiornato dall’Agenzia delle Entrate il 25 gennaio dello scorso anno. Vediamo come va compilato.

Modello Rli 2023 editabile e istruzioni compilazione

Il Modello Registrazioni Locazioni Immobili (Rli) serve per comunicare all’Agenzia delle Entrate le nuove registrazioni di contratti di locazione di immobili, ma anche per adempimenti successivi. Si può utilizzare anche se si decide di optare per l’opzione della cedolare secca o per revocarla, ma anche per comunicare all’Agenzia i dati catastali dell’immobile.


Modello Rli 2023, l’ultimo aggiornamento

L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato il modulo per la registrazione dei contratti d’affitto l’ultima volta il 25 gennaio 2022. Anche per il 2023, quindi, sarà possibile utilizzare lo stesso modello utilizzabile lo scorso anno per le registrazioni dei contratti di locazione e per gli adempimenti successivi.

Con il modello Rli dello scorso anno sono cambiate le istruzioni di compilazione per quel che riguarda la rinegoziazione del canone. Una delle novità previste con il nuovo modello è, tra le altre cose, che nel caso si decida di aumentare il canone di affitto è necessario allegare anche il relativo atto.

Non cambiano le regole generali relative ai casi in cui si presenta il modello Rli utilizzato per la registrazione dei contratti d’affitto e per gli adempimenti successivi, come ad esempio la risoluzione.

Oltre alla registrazione, risoluzione del contratto d’affitto e scelta della cedolare secca, il modello Rli 2023 (di seguito disponibile in pdf) consente di comunicare la rinegoziazione del canone di locazione.

Il modello Rli serve per tutti gli adempimenti legati alle locazioni. Oltre a quelli sopra indicati, bisogna utilizzarlo anche per la proroga, la cessione o il subentro nell’affitto.

Scendiamo quindi nel dettaglio, analizzando le istruzioni per compilare il modello Rli 2022, disponibile in pdf da scaricare.

Modello Rli 2023 in formato pdf: le novità nell’aggiornamento dell’Agenzia delle Entrate

Prima di entrare nello specifico, analizzando punto per punto le istruzioni necessarie alla compilazione del modello per i contratti di locazione, alleghiamo la versione in pdf da scaricare e compilare, aggiornata dall’Agenzia delle Entrate il 25 gennaio:

Modello RLI in formato pdf da scaricare
Scarica il modello aggiornato dall’Agenzia delle Entrate il 25 gennaio 2022

Il modello Rli nella versione attualmente in uso è stato pubblicato dall’Agenzia delle Entrate il 25 gennaio 2023 che, dopo l’aggiornamento del 3 luglio 2021, fornisce nuove istruzioni per la rinegoziazione del canone di affitto.

Le novità riguardano le modalità di compilazione della “Sezione I Registrazione - Rinegoziazione canone” e, nello specifico, in caso di rinegoziazione dell’affitto (codice 8 nella casella “adempimenti successivi”) vanno compilate le caselle del:

  • “Quadro A-Dati generali”: “Tipologia di contratto”, “Durata”, “Importo del canone”;
  • se previsti, “Pagamento intera durata”, “Casi particolari” ed “Esenzioni”.

Sia nella Sezione I che nella Sezione II (Adempimenti successivi) sarà poi necessario indicare:

  • la tipologia di regime già previsto per il contratto oggetto di rinegoziazione;
  • la “Data inizio rinegoziazione”;
  • la “Data fine proroga o cessione o risoluzione o subentro o canone rinegoziato”;
  • il nuovo “Canone rinegoziato”;
  • i riferimenti del contratto.

Sarà inoltre necessario compilazione la Sezione III riguardante il richiedente e il quadro E se la rinegoziazione riguarda contratti per i quali, già in sede di registrazione, sia stato previsto un canone differente.

Se si prevede, invece, un aumento del canonone di affitto vi è l’obbligo di allegare, contestualmente alla presentazione del modello Rli, anche il relativo atto.

Istruzioni modello Rli 2023: compilazione e modalità di presentazione

Come sopra anticipato, il modello Rli serve per richiedere all’Agenzia delle Entrate la registrazione di contratti di locazione e affitto di immobili ma non solo.

Si tratta di una sorta di “modello unico” dedicato alle locazioni, visto che serve anche per comunicare:

  • la proroga di contratti di affitto;
  • eventuali cessioni o subentri;
  • risoluzione di un contratto di locazione;
  • rinegoziazione del canone d’affitto.

Nelle istruzioni dell’Agenzia delle Entrate viene chiarito che i contribuenti possono utilizzare il modello Rli anche per l’esercizio dell’opzione o per la revoca del regime di tassazione a cedolare secca, nonché per comunicare i dati catastali dell’immobile dato in affitto.

Si allegano di seguito le istruzioni complete dell’Agenzia delle Entrate per la compilazione del nuovo modello Rli 2023:

Modello RLI - istruzioni compilazione
Scarica le istruzioni aggiornate dall’Agenzia delle Entrate il 25 gennaio 2022

Modello Rli 2023: codice tipologia di contratto

Uno dei dati obbligatori che bisognerà inserire nel modello Rli, all’interno del quadro A, è il codice relativo alla tipologia di contratto oggetto della comunicazione. Si tratta, in questo caso, di una informazione che diventa necessaria anche per calcolare l’imposta di registro da versare.

CodiceDescrizioneImposta di registro
L1 Locazione di immobile ad uso abitativo 2%
L2 Locazione agevolata di immobile ad uso abitativo 2% del 70% del canone
L3 Locazione di immobile a uso abitativo (contratto assoggettato ad IVA) € 67
L4 Locazione finanziaria di immobile a uso abitativo € 200
S1 Locazione di immobile a uso diverso dall’abitativo 2%
S2 Locazione di immobile strumentale con locatore soggetto ad IVA 1%
S3 Locazione finanziaria di immobile a uso diverso dall’abitativo € 200
T1 Affitto di fondo rustico 0,50%
T2 Affitto di fondo rustico agevolato € 67
T3 Affitto di terreni ed aree non edificabili, cave e torbiere 2%
T4 Affitto di terreni edificabili o non edificabili destinati a parcheggio (contratto assoggettato ad IVA) € 67

A titolo di esempio nella categoria L1 rientrano le seguenti tipologie di contratti di locazione di immobile ad uso abitativo:

  • a canone libero, durata 4 anni + 4;
  • a canone concordato, durata 3 anni + 2;
  • di natura transitoria, durata massima 18 mesi;
  • di natura transitoria per studenti universitari;
  • di durata non superiore a 30 giorni, soggetti a registrazione in caso d’uso

I contratti a canone concordato, durata 3 anni + 2 e i contratti di natura transitoria per studenti universitari, aventi ad oggetto immobili ubicati in comuni ad alta densità abitativa, come tutti gli altri contratti per i quali è previsto un regime fiscale agevolato rientrano nella tipologia di contratto da indicare con il codice L2.

Come registrare un contratto d’affitto con modello Rli

Il modello Rli, come già anticipato, deve essere utilizzato per la registrazione dei contratti d’affitto, qualora non venga eseguita la procedura online.

Chi intende registrare un contratto presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate dovrà presentare i seguenti documenti:

  • almeno due copie, con firma in originale, del contratto da registrare;
  • la richiesta di registrazione, ossia il modello Rli compilato;
  • se i contratti da registrare sono più di uno, bisogna predisporre un elenco utilizzando il «modello RR», in cui vanno indicati tutti i contratti da registrare;
  • i contrassegni telematici per il pagamento dell’imposta di bollo (ex marca da bollo), con data di emissione non successiva alla data di stipula, da applicare su ogni copia del contratto da registrare. L’importo dei contrassegni deve essere di 16 euro ogni 4 facciate scritte e, comunque, ogni 100 righe;
  • la ricevuta di pagamento dell’imposta di registro effettuata con Modello F24 Elementi identificativi. I contribuenti che hanno optato per la cedolare secca (regime sostitutivo) non devono versare l’imposta di registro ma sono tenuti al pagamento dell’imposta sostitutiva (acconto e saldo) da versare entro gli stessi termini previsti per l’Irpef.

Dopo la richiesta di registrazione del contratto, l’ufficio:

  • restituisce timbrata e firmata la copia del contratto se la registrazione è contestuale alla ricezione;
  • rilascia la ricevuta dell’avvenuta consegna e comunica al contribuente quando sarà disponibile la copia del contratto registrato. Questo avviene quando la registrazione non è contestuale alla ricezione ma differita.

Modello Rli per la risoluzione del contratto di affitto

Il modello Rli si utilizza anche per la risoluzione del contratto di affitto. Anche in questo caso l’invio del modulo può essere effettuato o in modalità telematica, direttamente o tramite intermediario, ovvero presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate.

In caso di risoluzione, nella casella Adempimenti successivi dell’RLI bisognerà indicare il codice 4, la data relativa all’adempimento selezionato e gli estremi del contratto. In presenza di un corrispettivo, deve essere compilato l’apposito campo (nel caso in cui è prevista la risoluzione con pagamento contestuale del corrispettivo va indicato il codice 7).

Quando si chiude anticipatamente un contratto di locazione prima della sua scadenza originaria, è obbligatorio compilare il modello Rli e pagare l’imposta di registro il misura fissa di 67 euro. Questo sia che a voler chiudere anticipatamente il contratto sia il proprietario sia che la decisione venga dall’affittuario.

L’imposta di registro dovuta per il recesso anticipato del contratto è a carico sia del locatore che del conduttore in egual misura. Ma l’obbligo di versamento resta in capo al locatore che, se lo desidera, in un secondo momento potrà chiedere al conduttore il rimborso della metà della somma versata così come previsto dall’ex articolo 8 della Legge 392 del 1978.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO