Cedolare secca

La cedolare secca sugli affitti è un regime fiscale agevolato sul pagamento delle tasse sulla locazione degli immobili ad uso abitativo. Nel regime della cedolare secca affitti è previsto il pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali per la parte derivante dal reddito immobiliare. In più, chi opta per il regime della cedolare secca non è tenuto al versamento dell’imposta di bollo e di registro.

Il regime facoltativo della cedolare secca può essere utilizzato per redditi derivanti dalla locazione di immobili a fini abitativi e delle relative pertinenze.

L’aliquota da applicare è del 21% per i contratti a canone libero ed è prevista una riduzione per i contratti di locazione a canone concordato relativi ad alcuni comuni italiani.

Il reddito assoggettato al regime della cedolare secca:

  • è escluso dal reddito complessivo;
  • su di esso e e sulla cedolare non possono essere fatti valere rispettivamente oneri deducibili e detrazioni;
  • deve essere compreso nel reddito ai fini del riconoscimento della spettanza o della determinazione di deduzioni, detrazioni o benefici di qualsiasi titolo collegati al possesso di requisiti reddituali.

Il regime facoltativo della cedolare secca è stato introdotto con l’articolo 3 del Decreto Legislativo numero 23 del 14 marzo 2011.

Ecco la nostra guida completa ed aggiornata al regime della cedolare secca affitti 2016:
Cedolare secca affitti 2016: cos’è, come funziona e calcolo di convenienza. La guida completa

Cedolare secca, ultimi articoli su Money.it

Cedolare secca al 10% per calamità, ma in quali Comuni?

Pubblicato il 8 novembre 2019 alle 12:20

La risposta all’interpello numero 470 del 7 novembre dell’Agenzia delle Entrate chiarisce che la cedolare secca al 10% si applica anche nei Comuni colpiti da calamità, ma solo quelli individuati dai provvedimenti dei Commissari delegati dal Consiglio dei Ministri.

Cedolare secca confermata al 10% dalla Legge di Bilancio 2020

Pubblicato il 30 ottobre 2019 alle 11:03

Legge di Bilancio 2020, confermata la cedolare secca al 10% in seguito al vertice di maggioranza tenutosi il 29 ottobre. Le coperture attese dall’aumento previsto in un primo momento si troveranno, probabilmente, dal rincaro della tassa sui giochi.

Aumento cedolare secca 2020: chi paga?

Pubblicato il 21 ottobre 2019 alle 15:53

Aumento cedolare secca dal 10 al 12,5% dal 2020: chi paga il balzello previsto dalla Legge di Bilancio? L’aggravio fiscale colpirà chi affitta casa ma, di conseguenza, anche gli inquilini.

Niente cedolare secca nel caso di subentro: requisiti stretti per negozi ed uffici

Pubblicato il 3 settembre 2019 alle 15:28

La cedolare secca per gli affitti commerciali non si può applicare nei casi di subentro nel contratto da parte di una nuovo conduttore. La conferma dei requisiti stringenti per negozi ed uffici arriva dall’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello n. 364 del 30 agosto 2019.

Cedolare secca 2019: cos’è, requisiti e come funziona

Pubblicato il 13 agosto 2019 alle 16:49

Cos’è la cedolare secca, tassazione agevolata sugli affitti 2019, come funziona e quali sono i requisiti per l’esercizio dell’opzione? Guida completa con regole, vantaggi e svantaggi della tassazione con aliquota del 10 o del 21 per cento per l’affitto di case e locali commerciali.

Contratto d’affitto studenti universitari: modulo fac-simile, regole e tasse

Pubblicato il 13 agosto 2019 alle 14:54

Per la stipula del contratto d’affitto a studenti universitari è necessario utilizzare il modulo fac-simile dei contratti transitori. Facciamo il punto su tutte le regole in merito alla durata, alle agevolazioni fiscali sulle tasse ed ai requisiti per l’applicazione della cedolare secca del 10 per cento.

Scadenze fiscali agosto 2019

Pubblicato il 9 agosto 2019 alle 15:46

Scadenze fiscali agosto 2019, tutti gli adempimenti dopo la sospensione feriale: versamento imposte sui redditi per partite IVA e dipendenti, adempimenti periodici Irpef, INPS e IVA e non solo. Ecco lo scadenzario completo dell’Agenzia delle Entrate.

|