Cedolare secca

La cedolare secca sugli affitti è un regime fiscale agevolato sul pagamento delle tasse sulla locazione degli immobili ad uso abitativo. Nel regime della cedolare secca affitti è previsto il pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali per la parte derivante dal reddito immobiliare. In più, chi opta per il regime della cedolare secca non è tenuto al versamento dell’imposta di bollo e di registro.

Il regime facoltativo della cedolare secca può essere utilizzato per redditi derivanti dalla locazione di immobili a fini abitativi e delle relative pertinenze.

L’aliquota da applicare è del 21% per i contratti a canone libero ed è prevista una riduzione per i contratti di locazione a canone concordato relativi ad alcuni comuni italiani.

Il reddito assoggettato al regime della cedolare secca:

  • è escluso dal reddito complessivo;
  • su di esso e e sulla cedolare non possono essere fatti valere rispettivamente oneri deducibili e detrazioni;
  • deve essere compreso nel reddito ai fini del riconoscimento della spettanza o della determinazione di deduzioni, detrazioni o benefici di qualsiasi titolo collegati al possesso di requisiti reddituali.

Il regime facoltativo della cedolare secca è stato introdotto con l’articolo 3 del Decreto Legislativo numero 23 del 14 marzo 2011.

Ecco la nostra guida completa ed aggiornata al regime della cedolare secca affitti 2016:
Cedolare secca affitti 2016: cos’è, come funziona e calcolo di convenienza. La guida completa

Cedolare secca, ultimi articoli su Money.it

Cedolare secca: come e quando si paga

Cedolare secca: come e quando si paga? Ecco le istruzioni per pagare l’imposta agevolata sugli affitti in vista della scadenza del 30 novembre 2018. Il pagamento è a rate o in unica soluzione, a seconda dell’importo.

|