Modello 730/2021 precompilato dal 10 maggio: scadenza, come si accede e novità

Rosaria Imparato

15 Marzo 2021 - 13:41

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Modello 730 precompilato 2021 disponibile online dal 10 maggio: con un futuro provvedimento dell’Agenzia delle Entrate saranno individuate istruzioni e scadenze, come il via libera per la modifica dei dati e il termine ultimo per l’invio. Vediamo come si accede e quali sono le novità relative alla dichiarazione dei redditi precompilata.

Modello 730/2021 precompilato dal 10 maggio: scadenza, come si accede e novità

Slitta la scadenza entro la quale il modello 730 precompilato verrà a messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate: il nuovo termine è il 10 maggio 2021 (invece del 30 aprile).

La novità è contenuta nel comunicato stampa MEF del 13 marzo, con cui il Ministero dell’Economia ha reso noto che la nuova scadenza per la certificazione unica diventa il 31 marzo.

La stessa scadenza è valida anche per l’invio dei dati utili alla predisposizione del modello 730 precompilato: cambia, insomma, tutto il calendario relativo alla dichiarazione dei redditi.

Non si prevedono cambiamenti invece circa le modalità di accesso alla precompilata, quando sarà messa a disposizione dei cittadini.

La proroga della scadenza relativa al modello 730 precompilato confluirà nel DL Sostegni.

Modello 730 precompilato dal 10 maggio: il DL Sostegni cambia le scadenze

Il modello 730/2021 precompilato verrà messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate il 10 maggio: la data da cerchiare in rosso sul calendario quindi non è più il 30 aprile.

Questo slittamento di 10 giorni è dovuto alla proroga al 31 marzo degli adempimenti collegati alla Certificazione Unica, cioè la consegna al percipiente e la trasmissione all’Agenzia delle Entrate.

La proroga farà parte del DL Sostegni, la cui approvazione continua a farsi attendere. Per non trovarsi a promulgare proroghe in extremis, il MEF ha giocato d’anticipo col comunicato stampa del 13 marzo preannunciando una parte delle misure del provvedimento economico.

Le nuove scadenze quindi saranno:

AdempimentoScadenze 2021 (ante modifica)Scadenze 2021 (post modifica)
Comunicazioni enti esterni (banche, assicurazioni, enti previdenziali, amministratori di condominio, università, asili nido, ecc.)* 16 marzo 31 marzo
Trasmissione telematica Certificazione Unica all’Agenzia 16 marzo 31 marzo
Consegna Certificazione Unica ai percipienti 16 marzo 31 marzo
Messa a disposizione della dichiarazione precompilata 30 aprile 10 maggio

* il termine per l’invio dei dati delle spese sanitarie al Sistema Tessera Sanitaria resta invariato, già scaduto l’8 febbraio 2021.

Come si accede al modello 730 precompilato

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate con le novità relative al modello 730 precompilato ancora non è stato pubblicato, ma probabilmente le modalità di accesso alla dichiarazione dei redditi rimangono le stesse.

Fino allo scorso anno il contribuente poteva accedere al modello 730 precompilato con:

  • SPID;
  • la Carta Nazionale Servizi;
  • le credenziali dispositivo rilasciate dall’INPS o dalla Guardia di Finanza;
  • le credenziali rilasciate da altri soggetti individuati con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate;
  • un intermediario abilitato con apposita delega;
  • il proprio sostituto d’imposta se presta assistenza fiscale.

Una volta effettuato l’accesso, il contribuente potrà:

  • visualizzare e stampare la dichiarazione dei redditi online;
  • confermare o modificare i dati presenti, procedendo poi all’invio della precompilata all’Agenzia delle Entrate;
  • versare le somme dovute;
  • indicare l’IBAN per i rimborsi fiscali.

Quali dati contiene il modello 730/2021 precompilato?

All’interno del modello 730 online il contribuente troverà i redditi percepiti, ricavati dalle Certificazioni Uniche 2021. Fanno parte dei dati già caricati dall’Agenzia delle Entrate nel modello 730 anche le spese da portare in detrazione, ovvero:

  • le spese sanitarie e relativi rimborsi;
  • le spese veterinarie;
  • gli interessi passivi sui mutui in corso;
  • i premi assicurativi;
  • i contributi previdenziali e assistenziali;
  • i contributi versati per lavoratori domestici;
  • le spese universitarie e relativi rimborsi;
  • le spese funebri;
  • i contributi versati alla previdenza complementare;
  • i bonifici riguardanti le spese per interventi di ristrutturazione e di riqualificazione energetica degli edifici;
  • le spese sostenute su parti comuni condominiali, per interventi di recupero del patrimonio edilizio, di risparmio energetico, di sistemazione a verde degli immobili e per l’arredo degli immobili ristrutturati;
  • i contributi versati a enti o casse aventi fine assistenziale;
  • le spese per la frequenza degli asili nido e relativi rimborsi;
  • i contributi detraibili versati alle società di mutuo soccorso;
  • le erogazioni liberali effettuate alle Onlus, alle associazioni di promozione sociale, alle fondazioni e associazioni riconosciute aventi per scopo statutario la tutela, promozione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico e alle fondazioni e associazioni aventi per scopo statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica, se comunicate in quanto l’invio è facoltativo.

Modello 730/2021 precompilato: modifica e invio dei dati

Le nuove scadenze relative alla possibilità di modificare i dati presenti nella dichiarazione precompilata, così come il termine ultimo per inviare la dichiarazione all’Agenzia delle Entrate, dovranno essere stabilite con un provvedimento dell’Amministrazione Finanziaria.

Anche lo scorso anno il calendario della dichiarazione dei redditi ha subito un leggero slittamento a causa dell’emergenza sanitaria. Nel 2020 si è potuto iniziare a modificare i dati della precompilata dal 14 maggio, mentre dal 25 maggio era possibile annullare il 730 già inviato e presentare una nuova dichiarazione.

Fino alla pubblicazione del provvedimento dell’Agenzia delle Entrate non possiamo sapere le nuove scadenze da rispettare.

Tuttavia, di solito dal momento in cui viene resa disponibile la modifica dei dati presenti nella precompilata, è possibile anche:

  • accettare, modificare e inviare la dichiarazione 730 precompilata all’Agenzia delle Entrate direttamente tramite l’applicazione web;
  • utilizzare la compilazione assistita per gli oneri detraibili e deducibili da indicare nel quadro E;
  • modificare il modello Redditi precompilato.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories