Modello 730/2023 precompilato eredi: come accedere

Nadia Pascale

27 Maggio 2023 - 11:28

condividi

Come si accede al modello precompilato 730/2023 in qualità di eredi e come si fa la dichiarazione di un defunto?

Modello 730/2023 precompilato eredi: come accedere

Tra le cose da fare nel caso in cui venisse a mancare un genitore, o un parente, oppure nel caso in cui ci si trovasse nella situazione di dover fare la dichiarazione fiscale di un defunto, c’è accedere al 730 precompilato in qualità di erede, o accedere al cassetto fiscale. Per poter ottemperare si dovranno seguire delle procedure ben precise.

Possono accedere a queste funzioni sono sia gli eredi, sia persone con delega: ecco come si può fare in una breve guida.

Come accedere al 730/2023 precompilato erede?

I soggetti tenuti a presentare la dichiarazione 730 in qualità di erede devono, per poter accedere alla documentazione e al modello precompilato, essere prima di tutto in possesso di alcuni elementi.

Per accedere al 730 precompilato c’è bisogno delle proprie credenziali personali digitali, ovvero di un codice Spid, credenziali Entratel, carta d’identità elettronica o carta nazionale dei servizi. È inoltre necessario essere in possesso dell’abilitazione rilasciata dall’Agenzia stessa.

La guida dell’Agenzia delle entrate specifica che per ottenere l’abilitazione alla visione e modifica del modello precompilato 730 in qualità di eredi ci sono diverse strade, la prima è la più semplice ed è una procedura online.

Questa prevede la dichiarazione, da parte dell’erede, ai sensi del Dpr 445 del 2000 attraverso il servizio online “ Autorizzazioni soggetti terzi ” disponibile nell’Area Riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate a cui accedere con le proprie credenziali Spid, Cie o Cns.

Autorizzazione soggetti terzi Autorizzazione soggetti terzi Schermata

A questo punto è necessario cliccare sulla voce “ Presenta la richiesta di abilitazione come erede ” e compilare i campi con il proprio codice fiscale e il codice fiscale del de cuius. Gli utenti che hanno ottenuto l’accesso attraverso le proprie credenziali Entratel o Fisconline prima dell’invio devono inserire il proprio Pin.

Autorizzazione 2 Autorizzazione 2 Schermata 2

Effettuata questa operazione si riceve il messaggio di accoglimento della propria richiesta. Solo dopo questa fase sarà possibile accedere alla dichiarazione precompilata.

Questa abilitazione infatti qualifica la persona in questione come erede della persona deceduta di cui si sta andando a fare la dichiarazione dei redditi.

In presenza di altri eredi, gli stessi possono chiedere l’autorizzazione all’accesso, visualizzare il modello precompilato e possono stamparlo, ma non possono effettuare altre operazioni, cioè non possono inviare il modello precompilato e non possono modificarlo. Un solo soggetto sarà quindi autorizzato a tali operazioni.

Le modalità ulteriori per richiedere il riconoscimento all’invio della dichiarazione in qualità di eredi sono:

  • recarsi di persona presso un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate, ed esibire la documentazione che dimostri la condizione di erede. Nel caso in cui se ne fosse sprovvisti, allora bisogna presentare una dichiarazione sostitutiva che certifichi comunque la condizione di erede;
  • la richiesta si può anche fare in modalità digitale, si può infatti inviare all’ufficio territoriale sottoscrivendola digitalmente insieme alla copia del documento di identità, in questo caso però è necessario essere in possesso di una casella Pec.

Utilizzando questi elementi si può accedere, attraverso il portale dell’Agenzia delle Entrate, al modello precompilato del 730. L’abilitazione rimane attiva fino al 31 dicembre dell’anno in cui è stata richiesta.
È anche possibile l’accesso al 730 precompilato del deceduto tramite Caf o professionista abilitato. In entrambi i casi va conferita apposita delega, e i professionisti devono acquisire idonea documentazione da cui si evince la qualità di erede.

Come accedere alla precompilata con delega

È possibile accedere al modello 730 precompilato di un’altra persona se si ha una delega; tuttavia, è importante ricordare che non tutti possono riceverla.
Infatti, possono svolgere la funzione di intermediario solo persone che rientrino nelle caratteristiche di sostituto d’imposta, a un Caf o a un professionista abilitato.

Le persone in possesso delle giuste caratteristiche possono essere delegate. Il contribuente, inoltre, può dare la delega a più persone diverse.
All’interno della delega devono essere presenti i seguenti dati:

  • il codice fiscale del contribuente;
  • i dati riguardanti l’anno d’imposta cui si riferisce il modello 730 precompilato;
  • le indicazioni della data di conferimento della stessa;
  • infine, devono essere presenti le indicazioni che la stessa vale, oltre che per l’accesso alla dichiarazione 730 precompilata, anche per la consultazione del foglio informativo.

Bisogna anche fornire al delegato una copia del proprio documento di identità.
Anche in questo caso, come quando si tratta di eredi che accedono al modello precompilato, è obbligatorio essere in possesso di un’identità digitale che permetta di poter utilizzare il portale dell’Agenzia delle Entrate.

Come accedere al cassetto fiscale di una persona deceduta?

Per poter accedere al cassetto fiscale di una persona defunta è necessario essere in possesso degli stessi elementi obbligatori per compilare il modello 730 di un deceduto, ovvero:

  • un’identità digitale;
  • una qualifica in qualità di erede.

All’interno del cassetto fiscale si troveranno poi tutte le informazioni riguardanti:
dati anagrafici;

  • dati delle dichiarazioni fiscali;
  • dati di eventuali rimborsi;
  • dati dei versamenti effettuati tramite modelli F24 e F23;
  • atti del registro (dati patrimoniali);
  • dati e informazioni relativi agli studi di settore e agli indicatori sintetici di affidabilità fiscale (Isa);
  • infine, anche le informazioni sullo stato di iscrizione al Vies.

Commenta:

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO