Microsoft sorpassa Amazon: è la seconda società per valore di mercato

L’indebolirsi di Amazon a seguito dei dati sotto le attese nel terzo trimestre ha catapultato il gigante tech di Redmond al secondo posto tra le società USA a maggior capitalizzazione di mercato

Microsoft sorpassa Amazon: è la seconda società per valore di mercato

Microsoft è la seconda società per valore di mercato negli Stati Uniti.

Il sorpasso segue la forte mossa al ribasso di Amazon, che ha bruciato 68,1 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato nella giornata di ieri, dopo l’indebolirsi dei dati riguardanti il fatturato del terzo trimestre.

Il gigante dell’e-commerce ha perso il 7,8% del suo valore, facendo registrare la peggior sessione di mercato dal 24 ottobre del 2014. La capitalizzazione di mercato di Amazon è ora di 803,28 miliardi; lo stesso Jeff Bezos ha perso 11 miliardi di dollari.

Per contro Microsoft, nel suo primo trimestre fiscale chiusosi il 30 settembre 2018, ha fatto registrare utili netti per 8,8 miliardi di dollari, segnando un +34% rispetto al 2017.

Microsoft sorpassa Amazon

L’indebolirsi di Amazon ha catapultato il gigante tecnologico di Redmond davanti al colosso e-commerce in termini di dimensioni. La società di Bezos aveva superato la compagnia fondata da Bill Gates all’inizio del 2018.

La capitalizzazione di mercato di Microsoft al momento è di 821,05 miliardi di dollari, mentre Google, al di sotto delle aspettative di gran parte degli analisti nei dati sul fatturato pubblicati giovedì, è calato dell’1,8%, portando la sua capitalizzazione di mercato a perdere più di 15 miliardi di dollari.

L’azienda di Larry Page ha registrato un utile per azione di 13,06 dollari su un fatturato di 33,7 miliardi, mentre Amazon ha registrato un utile per azione di 5,75 dollari e generato 56,6 miliardi sul fronte vendite.

Cifre che hanno consolidato ancora il sell-off nei titoli FAANG - Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google - collettivo che ha sottoperformato il mercato negli ultimi tre mesi.

Facebook, Google e Netflix hanno perso più del 15% del loro valore dalla fine di luglio, mentre l’indice S&P 500 ha perso il 6,3%; Amazon, dalla sua, ha perso il 9,1% da allora.

La mossa al ribasso dei prezzi di venerdì spinge Amazon ancora più lontano da quota 1.000 miliardi di dollari, storico traguardo raggiunto solo per pochi minuti lo scorso 4 settembre.

Un gradino finora toccato concretamente con mano solo da un’altra società americana quotata in borsa, attualmente la numero uno per capitalizzazione di mercato: Apple.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.