Mascherine obbligatorie a scuola, novità in arrivo: ecco cosa potrebbe cambiare

Stefano Rizzuti

17 Maggio 2022 - 10:26

condividi

Da una parte arriva la richiesta di eliminare l’obbligo di mascherina per gli studenti, almeno in classe, anche a causa del caldo. Dall’altra il governo esprime dubbi, ma qualcosa potrebbe cambiare.

Mascherine obbligatorie a scuola, novità in arrivo: ecco cosa potrebbe cambiare

Stop all’obbligo di mascherina a scuola: è questa la richiesta avanzata dalla Lega e dal sottosegretario all’Istruzione, Rossano Sasso. Secondo cui bisogna cancellare subito l’obbligo di indossare il dispositivo di protezione individuale tra i banchi considerando le alte temperature di questi giorni.

La richiesta di Sasso e di Matteo Salvini viene però rispedita al mittente dal ministro della Salute, Roberto Speranza, che rinvia la decisione alla scienza invece che alla politica. Sembra quindi probabile che l’obbligo di mascherina in classe possa restare fino alla fine dell’anno scolastico, ovvero gli inizi di giugno. Ma qualcosa potrebbe cambiare nelle prossime settimane, soprattutto sulla scia di quanto si sta facendo in Europa.

La richiesta di Sasso: stop mascherine, in classe troppo caldo

Il sottosegretario Sasso ha spiegato di essere stato contattato da diverse famiglie per chiedere di eliminare l’obbligo di mascherina con la fine dell’anno scolastico. Una battaglia portata avanti dalla Lega che parla di miglioramento dei dati epidemiologici, ma anche di un aumento delle temperature che rende poco sopportabile l’uso delle mascherine.

Il caldo, ha sottolineato Sasso, “soprattutto nel mezzogiorno rende davvero difficile seguire le lezioni: oggi, in diversi centri, siamo abbondantemente oltre i 30 gradi”. Inoltre, secondo il sottosegretario, il rischio di contagio a scuola riguarda soprattutto il momento dell’entrata e dell’uscita, “non certo quando gli studenti sono seduti ognuno al proprio posto”.

La proposta avanzata da Sasso è quella di lasciare l’obbligo di indossare la mascherina a scuola solamente quando ci si alza dal banco o quando si sta nei corridoi. E per questo chiede al governo di rivedere gli attuali protocolli.

L’obbligo di mascherina

La richiesta sulla scuola segue gli ultimi cambiamenti in Europa. La Francia, per esempio, ha appena abolito l’obbligo sui mezzi di trasporto. In Ue è stato eliminato l’obbligo in aereo e in aeroporto, anche se l’Italia ha deciso di confermarlo.

Sui voli in partenza dall’Italia, infatti, resta l’obbligo di mascherina a bordo: fino al 15 giugno i passeggeri dovranno indossare le Ffp2. Così come resta l’obbligo per i mezzi di trasporto, i cinema, i teatri e, appunto, la scuola.

Le richieste di eliminare le mascherine a scuola

Proprio in seguito a queste novità a livello europeo nasce la richiesta di chi, come il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, vuole eliminare l’obbligo di mascherina a scuola. Fa troppo caldo per tenerle in classe, è il suo ragionamento.

Anche il segretario della Lega, Matteo Salvini, chiede di cambiare “una regola inutilmente punitiva”. Per il momento, però, dal governo non arrivano aperture in tal senso. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, dice no all’ipotesi di eliminare le mascherine in classe, spiegando che a decidere deve essere la scienza e non la politica. Al contrario, invece, il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, si dice favorevole all’ipotesi di eliminare le mascherine ai banchi. Ma il governo, per ora, non ha deciso nulla.

Iscriviti a Money.it