Mascherine: ex Commissario Arcuri indagato

Marco Ciotola

11/04/2021

22/06/2021 - 15:10

condividi

L’ex Commissario straordinario per la risposta alla pandemia Domenico Arcuri indagato per peculato secondo diverse indiscrezioni. I fatti

Domenico Arcuri, ex commissario straordinario per la risposta alla pandemia di coronavirus, sarebbe indagato dalla Procura della Repubblica di Roma per peculato.

A dare l’indiscrezione è il quotidiano La Verità, che attribuisce la vicenda alla questione legata alle mascherine cinesi arrivate sul territorio italiano prive di certificazione

Una vicenda di fatto già nota visto che a fine febbraio era stata posta all’attenzione dei media e delle forze di polizia, con un arresto e quattro misure interdittive.

Mascherine: ex Commissario Arcuri indagato

Arcuri sarebbe quindi ritenuto responsabile in quanto in quel periodo - precedente al subentro dell’esecutivo Draghi e quindi del generale Francesco Paolo Figliuolo - era responsabile dell’intero coordinamento della riposta anti-Covid sul territorio italiano.

Arcuri è inoltre stato il primo responsabile del piano di distribuzione del vaccino contro il coronavirus in Italia, poi preso in corsa dal generale Paolo Figliuolo.

Per il momento il quadro dei fatti resta comunque incompleto, ma La Verità scrive che la fornitura contestata valeva 1,25 miliardi di euro, e parla di reato che potrebbe prevedere fino a 10 anni di reclusione per l’ex commissario.

A seguito dell’approdo del governo Draghi, Arcuri è tornato all’unico ruolo - ricoperto dal 2007 - di amministratore delegato di Invitalia, vale a dire l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa.

Iscriviti a Money.it