Il lusso italiano si è quotato a Wall Street con Zegna: i dettagli del debutto

Violetta Silvestri

21/12/2021

21/12/2021 - 08:41

condividi

A Wall Street suona la campanella per la quotazione di Zegna: il 20 dicembre ha debuttato il brand del lusso Made in Italy nella Borsa USA. Cosa c’è da sapere.

Il lusso italiano si è quotato a Wall Street con Zegna: i dettagli del debutto

Ermenegildo Zegna è sbarcato a Wall Street il 20 dicembre.

Il celebre marchio del lusso italiano ha iniziato le negoziazioni nella Borsa USA, avendo completato “l’aggregazione aziendale con Investindustrial Acquisition Corp”, Spac di Investindustrial VII L.P. Ermenegildo Zegna.

Cosa c’è da sapere sull’IPO del marchio della moda Made in Italy a New York.

IPO Zegna a New York il 20 dicembre: i dettagli

Come già annunciato mesi fa, Ermenegildo Zegna ha debuttato a Wall Street il 20 dicembre.

Nel primo giorno di scambi nella Borsa di New York, il titolo si è fatto notare positivamente: la società ha aperto con azioni a 10,33 dollari, toccando anche gli 11,24 dollari e segnando un’avanzata anche dell’8-9%.

In un precedente comunicato ufficiale l’azienda aveva reso noto che il brand aveva terminato la sua aggregazione aziendale con la Spac Investindustrial Acquisition Corp. “Si prevede che la nuova società combinata inizi a operare lunedì 20 dicembre 2021 alla Borsa di New York con il nuovo simbolo ticker «ZGN». La famiglia Zegna continuerà la sua gestione a lungo termine dell’azienda attraverso una partecipazione azionaria di quasi il 66%”, si leggeva nella nota.

Nello specifico, partendo dal valore della transazione, l’entità risultante dalla fusione dovrebbe avere un enterprise value di 3,1 miliardi di dollari e una capitalizzazione di mercato iniziale di 2,4 miliardi di dollari.

I dettagli dell’operazione sono stati così elencati:

$761 milioni di proventi lordi (al lordo delle spese di transazione e il riacquisto di azioni dagli azionisti di controllo) provenienti dalla transazione dei quali 169 milioni in contanti di IIAC sconto fiduciario (dopo i rimborsi); PIPE da 250 milioni di dollari (aumentato di 50 milioni rispetto all’importo target originale vista la forte domanda), 125 milioni dall’importo aggiuntivo backstop PIPE precedentemente annunciato e circa 217 milioni in un contratto di acquisto a termine con Strategic Holding Group S.à r.l., affiliata dello sponsor di IIAC”

Soddisfazione è stata espressa dal ceo Ermenegildo Zegna:
“...è l’inizio di un nuovo capitolo entusiasmante e cruciale nella nostra eredità di 111 anni. Quello che è iniziato come un lanificio costruito da mio nonno è ora diventato un moderno gruppo di lusso quotato in borsa con una piattaforma di produzione unica nel suo genere, sofisticate operazioni digitali e una scala e una portata globali.”

Dopo l’avvio degli scambi il 20 dicembre 2021, resta l’interesse dei trader sulle azioni Zegna nella Borsa di New York.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# IPO
# Lusso

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.