La Turchia vacilla tra il tonfo della lira e l’inflazione a quasi il 70%

Violetta Silvestri

5 Marzo 2024 - 12:32

I guai economici non sono finiti in Turchia: l’inflazione sale e si avvicina al 70%, mentre la lira turca affonda e inasprisce i conti delle famiglie e il rialzo dei prezzi.

La Turchia vacilla tra il tonfo della lira e l’inflazione a quasi il 70%

La Turchia nella trappola dell’inflazione, che sorprende in negativo e spinge ancora più in basso la lira.

I prezzi su base annuale della nazione sono saliti al 67,07% a febbraio, superando le aspettative e mantenendo la pressione per una politica monetaria restrittiva in un contesto di forti aumenti dei prezzi di cibo, hotel e istruzione, secondo i dati ufficiali lunedì.

In questo contesto, la lira è al minimo storico rispetto al dollaro. Ieri la valuta è stata scambiata con un picco di 31,59 rispetto al biglietto verde mentre oggi il cambio ha toccato anche il livello 31,75. Una moneta così debole inasprisce, tra l’altro, la stessa inflazione.

Tutti questi numeri hanno di nuovo alimentato le preoccupazioni che la banca centrale turca, che il mese scorso aveva indicato la fine del ciclo di rialzi dei tassi durato otto mesi, potrebbe dover tornare a inasprire il coso del denaro.

La Turchia naviga quindi in acque agitate per quanto riguarda la ripresa economica. Gli analisti sottolineano che i politici turchi vogliono evitare di aumentare nuovamente i tassi, soprattutto in vista delle elezioni locali del paese del 31 marzo. Tuttavia, l’incessante aumento dell’inflazione potrebbe costringerli ad alzarli nuovamente dopo il voto.

Turchia, inflazione alle stelle

L’inflazione in Turchia ha continuato a crescere a un ritmo più rapido del previsto. L’indice principale dei prezzi al consumo (CPI) è balzato del 4,5% a febbraio, superiore alla stima mediana del 3,70%.

Su base annua il rialzo è stato del 67,07%, superiore al 65,74% stimato e al 64,86% del mese precedente.

Ristoranti e hotel hanno guidato l’aumento, con un +94,5%, seguito da un rialzo del 91,8% dei prezzi dell’istruzione. I più rilevanti generi alimentari e le bevande analcoliche sono aumentati del 71,1%.

Gli economisti hanno affermato che l’inflazione di febbraio è stata determinata anche dall’impatto persistente dell’aumento del salario minimo di quest’anno nel settore dei servizi.

Poco prima del rilascio dei dati, il ministro delle Finanze Mehmet Simsek ha dichiarato all’emittente locale BloombergHT che l’inflazione rimarrà elevata nei prossimi mesi a causa degli effetti base e dell’impatto ritardato dei rialzi dei tassi, ma scenderà nei prossimi 12 mesi.

La banca centrale, che ha erogato un totale di 3.650 punti base di aumenti dei tassi in otto fasi, ha lasciato il suo benchmark invariato al 45% a febbraio, ma ha affermato che la politica potrebbe essere inasprita “nel caso in cui si preveda un deterioramento significativo e persistente delle prospettive di inflazione”.

Secondo le loro ultime prospettive, i policymaker prevedono che l’inflazione raggiunga un picco superiore al 70% a maggio e chiuda l’anno al 36%.

Con questi dati, secondo l’analista finanziario Crispus Nyaga, questi numeri significano che la Banca Centrale della Repubblica di Turchia ha ancora molto lavoro da fare poiché i prezzi non stanno scendendo come previsto. e l’inflazione sarà probabilmente una sfida per i prossimi mesi.

Ancora più importante, i dati indicano che la CBRT ha più spazio per aumentare i tassi di interesse. Il punto problematico è che essi che rimangono molto inferiori all’inflazione. Di conseguenza, una persona che ha risparmiato e riceve il pieno interesse continua a perdere denaro in termini reali. In questo caso, stanno perdendo circa il 22% a causa dell’inflazione.

La lira in caduta libera?

L’elevata inflazione è legata anche alla debolezza della lira turca. La valuta ha perso il 40% del suo valore rispetto al dollaro nell’ultimo anno e l’82,6% negli ultimi cinque anni.

Ciò è dovuto a una serie di fattori, in particolare agli effetti della pandemia, ai disordini politici e alla politica monetaria “non ortodossa” della Turchia. Sebbene da allora abbia modificato la sua posizione, il presidente Recep Tayyip Erdoğan ha esercitato a lungo pressioni sulla banca centrale turca affinché tagliasse i costi di finanziamento, sostenendo in modo controverso che i tassi bassi aiutano a combattere l’inflazione.

“La politica che stiamo attuando ora rende la lira attraente, ha detto lunedì Şimşek in un’intervista alla televisione Bloomberg HT. Anche se alcuni analisti prevedono una debolezza valutaria confermata dopo le elezioni del 31 marzo, in cui il partito al governo del presidente Recep Tayyip Erdogan cercherà di riprendersi le grandi città ora all’opposizione, Simsek ha sottolineato che le autorità non vogliono né una lira deprezzata né molto preziosa.

Il cambio dollaro lira turca rimane sotto i riflettori di investitori, stranieri soprattutto, ma anche di cittadini e d analisti.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato