Inseguire il rally delle azioni? Meglio di no, secondo l’esperto

Violetta Silvestri

9 Agosto 2022 - 15:22

condividi

Come investire in questo momento così complesso a livello finanziario ed economico? Un esperto risponde ai trader, consigliando di non inseguire il rally azionario, non ancora rassicurante.

Inseguire il rally delle azioni? Meglio di no, secondo l'esperto

Gli investitori dovrebbero evitare di inseguire i recenti rally di azioni e obbligazioni data l’attuale incertezza economica: a sostenerlo in un’analisi su Cnbc è il chief investment officer del gestore patrimoniale svizzero Prime Partners.

Francois Savary ha affermato che è estremamente difficile avere una chiara visibilità economica considerando gli elementi chiave dell’attuale ciclo di investimenti, come la ripresa del Covid-19 e la guerra in Ucraina.

Uno dei fattori chiave che ha sostenuto il rally, che è stato un forte mercato obbligazionario durante il mese di luglio, è scomparso in una certa misura, secondo l’analista. Inoltre, mentre la stagione degli utili del secondo trimestre è stata finora robusta, una questione chiave incombente è quanto gli analisti rivedranno le loro previsioni sugli utili del terzo trimestre. “Quindi riteniamo che i due elementi che possono supportare un ulteriore rally del mercato azionario non siano chiaramente presenti”, stando alle valutazioni del chief investment officer.

Cosa significa per gli investitori e quali suggerimenti dell’esperto?

Perché non si deve rincorrere il rally delle azioni

Gli investitori “non dovrebbero assolutamente” inseguire il rally delle azioni in corso da metà luglio. Il S&P 500 è in aumento di quasi il 13% dai minimi di luglio, ma rimane in calo dall’inizio dell’anno.

Savary ha anche sottolineato: “sappiamo tutti che è molto difficile fare soldi dal lato delle obbligazioni. Non inseguirei il rally obbligazionario che abbiamo vissuto negli ultimi due mesi”.

Il mese scorso i fondi obbligazionari societari, governativi e ad alto rendimento hanno registrato afflussi considerevoli. Il rendimento dei Treasury, che si muove inversamente ai prezzi, è scivolato fino a scambiare intorno al 2,76% martedì dopo aver toccato il 3,48% a metà giugno.

Gli investitori nei mercati globali stanno attraversando un vortice di pressioni inflazionistiche, rischi di recessione e cicli di inasprimento delle banche centrali, con persino colossi come Berkshire Hathaway e SoftBank che hanno registrato perdite di investimento nel trimestre di giugno.

Mantenere alcuni investimenti in azioni fornirà una protezione parziale dall’inflazione, tuttavia gli investitori dovranno essere tattici e osservare gli ultimi dati economici secondo l’analista.

Nel frattempo, i contanti sono utili per fornire flessibilità: “è interessante avere dei contanti da controllare perché tutto è possibile in questo tipo di ambiente. Potremmo avere una recessione, ma potresti anche ottenere un tasso di crescita lento ma soddisfacente nei prossimi 12 mesi.”

Per ora, Savary ha affermato che il mercato ha scontato una recessione. “Ma i numeri non ti dicono che c’è una recessione, quindi dobbiamo essere agili e controllare cosa sta succedendo settimana per settimana e mese per mese, e dovremmo avere più visibilità entro l’inizio dell’autunno, in gli Stati Uniti in particolare.”

Gli investitori guarderanno ai prossimi dati sull’inflazione statunitense per ulteriori indizi sullo stato della più grande economia mondiale. Viene dopo che il rapporto sull’occupazione del mese scorso ha mostrato una forza inaspettata e ha aumentato le aspettative di un aumento dei tassi di 75 punti base a settembre.

Iscriviti a Money.it