L’inflazione (elevata) guida ancora i mercati

Violetta Silvestri

14 Luglio 2022 - 08:32

condividi

L’inflazione al top dal 1981 degli Usa domina il sentiment dei mercati stamane: l’ondata di prezzi al consumo così elevati sta colpendo tutti, anche l’Asia, con le banche centrali allertate.

L'inflazione (elevata) guida ancora i mercati

Le azioni asiatiche sono state bloccate ai minimi di due anni dopo che i dati sull’inflazione Usa bollente hanno alimentato i timori che la Federal Reserve aumenterà i tassi di interesse in modo ancora più aggressivo, il che ha rafforzato il dollaro rifugio.

Sottolineando come le pressioni inflazionistiche stiano colpendo anche l’Asia, sia l’Autorità monetaria di Singapore che la Banca centrale delle Filippine hanno sorpreso i mercati inasprendo la politica monetaria con movimenti fuori ciclo.

Al momento in cui si scrive, i mercati asiatici scambiano misti, con i dati cinesi sull’export di giugno in crescita a offrire spunti di guadagno.

Dopo la lettura sui prezzi al consumo Usa di ieri, con risultato al top dal 1981, l’inflazione resta il principale driver di mercati e decisioni economiche.

Inflazione sempre più alta: ora si aspetta la recessione?

Tutto nei mercati dell’Asia si sta svolgendo all’ombra dei dati statunitensi durante la notte, che mostrano che l’aumento dei costi di carburante, cibo e affitto ha spinto l’indice dei prezzi al consumo a +9,1% il mese scorso.

Ciò ha suscitato preoccupazioni sul fatto che la Fed possa muoversi con un rialzo dei tassi di inaspettati 100 punti base (bps) durante la riunione di questo mese, anziché i 75 attesi, aumentando i timori degli investitori di una possibile recessione.

“L’aspetto preoccupante dei numeri CPI era l’ampiezza degli aumenti”, ha sottolineato Shane Oliver, capo economista e capo stratega degli investimenti presso AMP, affermando che quasi il 90% dei componenti dell’IPC statunitense ha visto aumenti di oltre il 3%.

In questo scenario, il dollaro ha spinto al rialzo, aggirandosi intorno al livello più alto degli ultimi due anni. I rendimenti dei titoli del Tesoro a due anni, sensibili alle imminenti mosse della Fed, sono aumentati mentre i tassi a più lunga scadenza sono rimasti più stabili. L’inversione tra i rendimenti a due e a 10 anni, un potenziale indicatore di recessione, è la più profonda dal 2000.

La grande domanda per i mercati è se l’ultima stampa dell’inflazione negli Stati Uniti segna il picco. I prezzi delle materie prime, spinti al rialzo quest’anno in parte dalle interruzioni dell’offerta legate alla guerra russa in Ucraina, sono leggermente diminuiti negli ultimi tempi.

Tuttavia, se i costi più elevati si rivelano persistenti e si accompagnano a un’economia globale in flessione a causa degli aumenti dei tassi, ciò potrebbe essere tossico per una serie di attività che già subiscono pesanti perdite nel 2022.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.