Incontro Trump-Kim: si lavora a un secondo vertice

La Casa Bianca prepara un nuovo vertice tra il Presidente USA Trump e il dittatore nordcoreano Kim Jong-un. In cima all’agenda di discussione ancora una volta la denuclearizzazione di Pyongyang

Incontro Trump-Kim: si lavora a un secondo vertice

La casa bianca è al lavoro per un secondo vertice tra il Presidente USA Donald Trump e il leader nordcorean Kim-Jong un.
La mossa segue una lettera del dittatore di Pyongyang, che ha chiesto un nuovo incontro con il tycoon statunitense.

Il primo faccia a faccia storico tra i due leader si è tenuto il 12 giugno scorso a Singapore. 40 minuti di colloquio tra strette di mano prolungate e sorrisi che sono andati per la prima volta controcorrente rispetto a decenni di forte ostilità tra i due Paesi.

La discussione - aperta ai soli interpreti e a nessun altro e mai davvero ufficializzata nei dettagli - sembra aver portato a decisi passi avanti sul fronte denuclearizzazione della Corea del Nord, con un processo di smantellamento destinato ad andare avanti “molto velocemente” secondo quanto riferito dal numero uno della Casa Bianca.

Eppure Pyongyang per il momento sembra molto lontana da quelle rapide operazioni di cui si è parlato, e un nuovo vertice potrebbe servire a dare dettagli più precisi anche sulle tempistiche e garantire agli USA sicurezze maggiori.

Dall’altra parte, appare fondamentale la simpatia del lunatico leader nordcoreano per Trump, elemento che ha fatto sì che tutto filasse liscio nella cornice di Singapore e che Kim si trovi ora a premere per un nuovo faccia a faccia, che può di certo consolidare la tregua sopraggiunta tra i due Paesi.

Verso un secondo vertice Trump-Kim?

Lo scorso 12 giugno Trump ha speso parole di stima per il leader nordcoreano, prefigurando “un importante cambiamento per il mondo”, mentre Kim Jong-un a sua volta ha definito il vertice utile a “lasciarci il passato alle spalle”.

Ma malgrado l’evidente distensione tra le due realtà storicamente rivali - cruciale a livello internazionale - passi avanti sul fronte denuclearizzazione proprio non se ne sono visti.

Kim, che ha espresso gratitudine per il primo faccia a faccia e si è detto disposto a “superare ogni tipo di scetticismo”, ha inviato una lettera indirizzata alla Casa Bianca e sollecitato un nuovo viaggio dell’esecutivo USA verso Oriente, che potrebbe rivelarsi importante per smuovere un processo di smantellamento attualmente in stallo.

Sarah Sanders, portavoce della Casa Bianca, ha rivelato alcuni aspetti della comunicazione inviata da Kim a Trump parlando di parole “calorose e positive” da parte del «supremo leader» e dando per già avviata la preparazione di un secondo meeting.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.