In Europa la recessione è più vicina e il motivo sono questi dati

Violetta Silvestri

23/11/2023

Il rischio recessione si concretizza in Europa: nuovi dati confermano la debolezza nell’attività economica della regione a moneta unica.

In Europa la recessione è più vicina e il motivo sono questi dati

Si torna a parlare di recessione in Europa e il motivo sono i Pmi preliminari di novembre per l’Eurozona.

La lettura dei risultati ha rivelato che la flessione dell’attività economica della regione si è attenuata a novembre, ma è rimasta sotto la soglia di 50 a indicare che una condizione di contrazione persistente.

Nel dettaglio, l’indice dei responsabili degli acquisti di S&P Global ha registrato 47,1. Sebbene si tratti di un aumento maggiore di quanto previsto dagli economisti, il dato ha evidenziato il sesto mese consecutivo al di sotto del livello 50, oltre il quale si parla di espansione economica. Sia il settore manifatturiero che quello dei servizi hanno mostrato un andamento simile.

Il suggerimento di questa contrazione a novembre – a seguito di un calo dello 0,1% del Pil nei tre mesi fino a settembre – contrasta con le previsioni della Commissione Europea per un ritorno alla crescita e con le aspettative degli analisti di stagnazione nel trimestre in corso. La recessione in Eurozona sembra dunque essere uno scenario sempre più probabile e suggerisce che la Bce potrebbe optare per una politica monetaria meno aggressiva nei prossimi incontri.

Perché l’Eurozona si avvia verso la recessione

“L’economia della zona euro è bloccata nel fango”: con questo commento Cyrus de la Rubia, capo economista della Banca commerciale di Amburgo, ha disegnato il quadro economico dell’Eurozona dopo la lettura dei dati preliminari dei Pmi.

Il PMI dell’HCOB, compilato da S&P Global e considerato una buona guida per lo stato economico generale, è salito a 47,1 dal minimo di quasi tre anni di ottobre di 46,5, ma è rimasto al di sotto della soglia di 50 che separa la crescita dalla contrazione.

“La continua debolezza nei dati sulle imprese della zona euro suggerisce che una recessione è all’orizzonte. Il settore manifatturiero rimane bloccato, mentre i servizi continuano a contrarsi”, ha affermato Mike Bell di JP Morgan Asset Management.

Il Pmi complessivo relativo al settore dei servizi è salito questo mese a 48,2 da 47,8, leggermente al di sopra della stima del sondaggio Reuters di 48,1. La domanda è scesa per il quinto mese consecutivo, anche se a un ritmo più lento rispetto a ottobre. L’indice delle nuove imprese è salito a 46,7 da 45,6.

L’attività manifatturiera, che si è contratta ogni mese da luglio 2022, è stata nuovamente in calo a novembre. Il suo Pmi è salito a 43,8 da 43,1, battendo le aspettative del sondaggio di 43,4. Con la domanda in diminuzione, le fabbriche hanno ridotto gli acquisti di materie prime e una parte dell’attività è stata generata soprattutto dal completamento di vecchi ordini.

Le aziende hanno tagliato l’organico per la prima volta da gennaio 2021, quando il vecchio continente era nel pieno delle restrizioni legate al Covid-19. Il PMI composito sull’occupazione è sceso a 49,4 da 50,0.

“Ciò si inserisce nel quadro più ampio di un indebolimento del mercato del lavoro a seguito di alcuni trimestri di crescita negativa”, ha affermato Bert Colijn di ING.

Quali previsioni sulla crescita dell’Eurozona?

Qualche spiraglio di ottimismo è stato segnalato da de la Rubia: “Nonostante siamo rimasti in territorio di recessione, il tasso di rallentamento si è notevolmente attenuato”. Aumenta, quindi, la fiducia che un ritorno in territorio di crescita sia una prospettiva plausibile, potenzialmente concretizzabile entro la prima metà del prossimo anno.

Secondo l’esperto di Bloomberg David Powell, il Pil dell’Eurozona si appiattirà nel 4Q23. I modelli economici segnalano il pericolo di una nuova contrazione della produzione e i rischi sono inclinati al ribasso.

Gli economisti della Bce prevedono una crescita del Pil dello 0,1% e il Consiglio direttivo sembra trovarsi di fronte a un indebolimento dell’economia più rapido del previsto. Ciononostante, “ci aspettiamo che la Bce rimanga in attesa fino alla metà del prossimo anno, quando dovrebbe iniziare a ridurre i tassi di interesse”, ha aggiunto.

Il vicepresidente della Banca centrale europea Luis de Guindos aveva avvisato giorni fa che i mercati finanziari non stavano scontando pienamente il rischio di un colpo più forte all’economia della zona euro dopo un anno di rialzi dei tassi di interesse e crescenti tensioni politiche.

Argomenti

# PMI

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato