In attesa dell’inflazione Usa, nei mercati c’è agitazione

Violetta Silvestri

12 Aprile 2022 - 08:32

condividi

Nel giorno dell’inflazione Usa aggiornata, i mercati attendono il dato con trepidazione, spingendosi verso un selloff generale di azioni e obbligazioni. La Fed pronta a slanci più aggressivi?

In attesa dell'inflazione Usa, nei mercati c'è agitazione

Azioni e obbligazioni sono nel caos, mentre gli investitori si sono concentrati sull’inflazione e sull’impatto dell’inasprimento delle politiche da parte delle banche centrali.

Nello specifico, gli indici asiatici scendono mentre il dollaro mantiene la sua forza. I rendimenti dei Treasury sono saliti ai massimi di tre anni prima che vengano pubblicati i dati sull’inflazione statunitense che potrebbero prefigurare rialzi dei tassi di interesse ancora più aggressivi da parte della Federal Reserve.

C’è nervosismo tra gli investitori: i prezzi al consumo Usa di oggi offriranno ulteriori spunti per dare una direzione ai mercati.

Inflazione Usa oggi: c’è attesa, mercati nervosi

Con le azioni tutte in flessione, sia in Asia che a Wall Street, i riflettori si accendono su obbligazioni e mercato valutario.

I rendimenti obbligazionari statunitensi più elevati hanno sostenuto il dollaro, con la misura dell’indice della valuta statunitense rispetto a sei peer che ha testato il massimo di quasi due anni della scorsa settimana.

La valuta giapponese ha subito il peso maggiore delle perdite contro il biglietto verde, che è salito a 125,77 yen durante la notte, il massimo da giugno 2015.

Lo yen è stato messo sotto tiro negli ultimi mesi poiché la Banca del Giappone si è impegnata in una politica estremamente accomodante anche se molte altre importanti banche centrali, guidate dalla Fed, hanno intrapreso un inasprimento delle condizioni monetarie.

L’euro è stato incapace di mantenere i guadagni del suo mini-rialzo di lunedì dopo che il leader francese Emmanuel Macron ha battuto la sfidante di estrema destra Marine Le Pen nel primo turno di votazioni presidenziali.

Non c’è dubbio che il sentimento del mercato continua a essere modellato da una Fed aggressiva, dalle interruzioni delle materie prime causate dall’invasione russa dell’Ucraina e dalla prospettiva di un rallentamento economico.

L’epidemia di Covid-19 in Cina continua a diffondersi nonostante un prolungato blocco dei 25 milioni di persone di Shanghai, con le restrizioni che mettono a dura prova le catene di approvvigionamento globali. Gli investitori sono in attesa di resoconti sugli utili di questo mese per ripristinare la fiducia nelle prospettive per le azioni.

“L’inflazione, il nervosismo della politica monetaria, la chiusura di Shanghai e l’invasione russa dell’Ucraina tengono i mercati in ostaggio”, ha scritto John Stoltzfus, chief investment strategist di Oppenheimer. “I mercati rimangono inclini alla rotazione e al riequilibrio per ora poiché la molteplicità di risultati incerti causa volatilità e non mancano le riflessioni e le proiezioni”.

Tutti i timori e le incertezze ruotano intorno agli Usa, alla sua inflazione e all’atteggiamento Fed.

Gli investitori sono sempre più preoccupati: il massimo da tre anni del rendimento del Treasury statunitense decennale può avviare un rallentamento dell’economia. IN questa cornice, si guarda in avanti alla prossima stagione degli utili per capire se ci sono i segni dell’impatto dell’inflazione sui profitti societari.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Selezionati per te