Le grandi banche temono l’effetto guerra e non solo

Violetta Silvestri

11 Aprile 2022 - 14:57

condividi

Il settore banche negli Usa è sotto pressione: i grandi gruppi sono prossimi ai risultati trimestrali, cosa mostreranno? L’effetto guerra, e non solo, rischia di abbattersi sui banchieri: i motivi.

Le grandi banche temono l'effetto guerra e non solo

Le grandi banche Usa si preparano al rilascio dei risultati trimestrali in uno dei periodi peggiori e di maggiore incertezza per i conti.

Alcuni analisti prevedono già ricavi più deboli del previsto con la scossa della guerra in Ucraina. Non solo, nel mirino degli esperti ci sono anche le operazioni di fusione e acquisizione delle società del settore, assai a rilento rispetto alle aspettative.

Dinanzi a queste variabili, i grandi gruppi bancari Usa, tra i quali JP Morgan, Goldman Sachs e Morgan Stanley nei prossimi giorni, rilasceranno i dati del primo trimestre: cosa aspettarsi? Lo spettro guerra e non solo può pesare sulle trimestrali.

Banche Usa: ricavi in calo? I fattori da osservare, oltre la guerra

Ci sono diversi aspetti che gli economisti stanno osservando in vista dei primi risultati trimestrali dei grandi gruppi bancari.

Innanzitutto, il boom di fusioni e acquisizioni di Wall Street si è interrotto bruscamente a causa della guerra in Ucraina e di uno spostamento globale verso l’aumento dei tassi di interesse, lasciando le grandi banche destinate a registrare un calo trimestrale dei ricavi.

Secondo l’analista di Barclays Jason Goldberg, il record di accordi che i dirigenti bancari pubblicizzavano all’inizio del 2022 sono ancora all’orizzonte, ma sono stati messi in secondo piano tra mercati in movimento e inflazione dilagante.

Un altro punto di pressione è la visione più scettica dell’amministrazione Biden sulle mega fusioni. L’antitrust statunitense all’inizio di quest’anno ha annunciato uno sforzo per rafforzare le revisioni delle fusioni, affermando che è necessario un nuovo quadro per combattere un’ondata di accordi che minaccia di peggiorare la già elevata concentrazione tra i settori.

Ne consegue che il volume di fusioni e acquisizioni nel primo trimestre ha raggiunto $ 1,01 trilioni, il totale più basso dai primi giorni della pandemia, secondo i dati compilati da Bloomberg.

Poi c’è il fattore volatilità da considerare, particolarmente intensa nei prezzi di materiali come greggio, gas, grano e metalli, poiché è emerso un divario tra acquirenti e venditori che devono far fronte a forti tensioni finanziarie.

I mercati sono stati sconvolti poiché l’invasione dell’Ucraina ha limitato i flussi di merci, anche se in molti casi i rally sono stati rapidamente seguiti da un calo dei prezzi.

“Questo è il tipo di trimestre che farà fare un doppio giro alle banche che hanno abbandonato le materie prime, ha affermato Mike Mayo, analista di Wells Fargo. “La grande domanda in sospeso è: in che modo la volatilità del mercato influirà sui risultati? È probabile che ci siano vincitori e vinti.”

Non solo, i mercati dei capitali saranno probabilmente un altro punto debole. Le aziende hanno chiesto debito per aumentare la liquidità durante la pandemia e sfruttare i bassi tassi di interesse. Ora hanno scorte di contanti con poca necessità di prendere in prestito, almeno nel breve periodo.

Crescita del prestito bancario?

Le attività di prestito delle banche hanno sofferto con i tassi di interesse storicamente bassi e della domanda debole a causa dei programmi di stimolo del governo.

Tuttavia, la diminuzione dei programmi di aiuti federali combinati con tassi di interesse più elevati potrebbe fornire l’aumento più sostanziale della crescita dei prestiti dall’inizio della pandemia.

Le proiezioni delle principali banche indicano che i prestiti potrebbero mostrare un rialzo del 9% nel primo trimestre rispetto all’anno precedente, che sarebbe il livello più alto dal primo trimestre del 2020.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Selezionati per te