Immigrazione: ecco le quote non rispettate dall’Europa. Quanto ci costano?

Non si sblocca la vicenda delle quote migranti che spetterebbero a ciascun paese dell’Unione: ecco i numeri e quanto pesano sulle nostre casse.

Immigrazione: ecco le quote non rispettate dall'Europa. Quanto ci costano?

Doveva essere uno dei punti cardine da far passare al Consiglio Europeo di fine giugno invece, ancora una volta, sulla questione delle quote migranti non rispettate dai paesi dell’Unione Europea si è registrato un sostanziale nulla di fatto.

Complici anche le elezioni europee che si stanno avvicinando, alla fine è stata riposta nel proverbiale cassetto una riforma votata dal Parlamento Europeo che avrebbe obbligato, pena elevate multe, gli Stati membri a rispettare gli impegni presi nel 2015.

Colpa anche del nostro governo che ha preferito battere altre strade invece di portare avanti una risoluzione che a Bruxelles aveva già trovato una maggioranza che l’aveva approvata.

In questo intricato marasma politico internazionale, vediamo allora nel dettaglio i numeri non rispettati delle quote relative ai migranti e quanto costa questo mancato ricollocamento all’Italia.

Le quote migranti non rispettate dall’Europa

Al momento nel Vecchio Continente vige il regolamento di Dublino (2003, votato dal governo Berlusconi) che prevede come debbano essere i paesi di primo approdo a farsi carico delle richieste di asilo dei migranti.

Una situazione questa che penalizza di molto i paesi che affacciano sul Mediterraneo, specie dopo la chiusura della rotta balcanica a suon di miliardi dati alla Turchia, che in pratica si trovano a doversi fare carico della quasi totalità degli arrivi.

Per cercare di dare una mano all’Italia e alla Grecia nella gestione delle migliaia di migranti sbarcati, il Parlamento Europeo ha deciso così nel 2015 di disporre una ripartizione per quote in base alla popolazione e al Pil.

Ecco la tabella su quanti migranti ogni paese doveva accogliere e quanti invece, a marzo 2018, ne sono stati ricollocati.

Nazione Quota migranti assegnata Migranti accolti
Ungheria 1294 0
Polonia 6.182 0
Repubblica Ceca 2.691 12
Slovacchia 902 16
Austria 1953 39
Bulgaria 1.302 60
Croazia 968 82
Spagna 9.223 1.358
Romania 4.180 728
Francia 19.714 4.944
Belgio 3.812 1.169
Germania 27.536 10.282
Slovenia 567 253
Estonia 329 147
Cipro 320 143
Olanda 5.947 2.724
Portogallo 2.951 1.532
Lituania 671 384
Lettonia 481 328
Svezia 3.766 3.047
Finlandia 2.078 1.981
Lussemburgo 557 549
Malta 131 168
Irlanda 600 888

In totale quindi sui 98.255 migranti che dall’Italia e dalla Grecia dovevano essere ricollocati, soltanto 30.834 sono stati accolti negli altri paesi dell’Unione Europea. La ripartizione stabilita da Bruxelles per il 70% dei casi non è stata quindi rispettata.

Escludendo la Grecia e focalizzandoci prettamente sull’Italia, dal nostro paese sarebbero dovuti essere ricollocati in totale 34.953 migranti. Il Ministero dell’Interno invece ha fornito questi numeri aggiornati al 2 luglio 2018.

Nazione Numero di migranti accolti dall’Italia
Germania 5.438
Svezia 1.408
Olanda 1.020
Svizzera 921
Norvegia 816
Finlandia 779
Francia 641
Belgio 471
Portogallo 361
Lussemburgo 249
Spagna 235
Slovenia 81
Malta 67
Cipro 47
Romania 45
Austria 44
Lettonia 34
Lituania 29
Croazia 21
Bulgaria 10
Estonia 6

Al 2 luglio dall’Italia sono stati ricollocati in totale 12.723 migranti, circa un terzo rispetto ai 34.953 stabiliti. Si può notare poi come nella tabella manchino i paesi di Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria) che dal nostro paese non hanno accolto nessun immigrato.

Quanto ci costano i mancati ricollocamenti

Eccezion fatta per Malta e Irlanda, che hanno accolto più migranti di quanto stabilito oltre che Lussemburgo, Svezia e Finlandia che in sostanza hanno rispettato le quote, nessun altro paese dell’Unione ha tenuto fede agli impegni presi nel 2015.

Secondo quanto è stato stabilito, spetta alla Commissione Europea vigilare sul rispetto degli accordi presi ma finora non si è mossa. L’Italia quindi potrebbe inviare una segnalazione ma ad oggi non l’ha fatto visti gli scarsi strumenti giuridici in mano.

Si tratterebbe infatti di aprire una sorta di procedura di infrazione contro l’Europa, una via che i vari governi non si sono sentiti di intraprendere. La soluzione sarebbe potuta essere la legge votata dal Parlamento Europeo a fine 2017, ma che non è stata ratificata nell’ultimo Consiglio Europeo.

Il testo che è stato affossato infatti prevedeva una multa di 250.000 euro per ogni migrante che non fosse stato accolto rispetto a quanto dovuto. La Germania per esempio avrebbe dovuto pagare nel caso una sanzione di 4,3 miliardi e la Francia di 3,7 miliardi.

Il nostro governo presieduto da Giuseppe Conte ha preferito invece non appoggiare questa legge, visto anche che a Bruxelles il Movimento 5 Stelle aveva votato contro mentre la Lega si era astenuta. Misteri della politica.

Nulla è cambiato quindi in materia di ricollocamenti dei migranti, con il mancato rispetto degli accordi che secondo la relazione della Corte dei Conti è costata all’Italia nel 2017 la bellezza di 765,5 milioni.

Tanti soldi che stridono in confronto alla miseria dei 46,8 milioni che l’Europa invece ha versato lo scorso anno al nostro paese per sostenere l’accoglienza.

Un paradosso che costringe l’Italia a non poter sfruttare gli oltre 700 milioni, ovvero la differenza tra quanto speso a causa dell’Unione e quanto ricevuto da Bruxelles, in altri modi sempre sul tema immigrazione.

Stando al Def, l’Italia nel 2018 spenderà circa 5 miliardi per l’accoglienza. Di questi circa 600 milioni saranno destinati alla sanità e all’istruzione dei migranti, una cifra quindi che potrebbe essere più che raddoppiata se i paesi dell’Unione rispettassero gli accordi.

I 700 milioni potrebbero essere utilizzati per quasi raddoppiare la spesa del nostro governo per i soccorsi in mare (950 milioni), ma anche per iniziare le operazioni di rimpatrio dei clandestini che stanno tanto a cuore al ministro Salvini ma che hanno un costo non indifferente: visto che la spesa sarebbe di 3.000 euro per ogni irregolare, potrebbero essere espulsi in oltre 230.000.

Come emerge dai dati del Viminale gli sbarchi in Italia sono in diminuzione da mesi, con il flusso attuale che sarebbe più che sostenibile dal nostro paese. Il problema sono i circa 160.000 migranti presenti ora e che non vengono né ricollocati né espulsi.

Allo stato delle cose quindi basterebbe che l’Europa rispettasse le quote per il ricollocamento: l’Italia avrebbe a carico un numero di migranti gestibile, con i soldi risparmiati che potrebbero essere utilizzati per migliorare l’accoglienza oppure incentivare le espulsioni degli irregolari.

A quel punto starebbe al governo decidere su come utilizzare al meglio quel tesoretto che si verrebbe a creare.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Immigrazione

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Alessandro Cipolla

Alessandro Cipolla

3 ore fa

Approvato il Decreto Immigrazione di Salvini: ecco cosa cambierà per i migranti

Approvato il Decreto Immigrazione di Salvini: ecco cosa cambierà per i migranti

Commenta

Condividi

Alessandro Cipolla

Alessandro Cipolla

6 giorni fa

Migranti, con gli sbarchi in calo risparmi per 1 miliardo: come utilizzarli?

Migranti, con gli sbarchi in calo risparmi per 1 miliardo: come utilizzarli?

Commenta

Condividi

Alessandro Cipolla

Alessandro Cipolla

1 settimana fa

Libia, 100 vittime in un naufragio: i migranti morti fanno meno rumore di quelli respinti

Libia, 100 vittime in un naufragio: i migranti morti fanno meno rumore di quelli respinti

Commenta

Condividi