Il giusto stipendio per colf e badanti

Simone Micocci

20 Novembre 2017 - 09:36

condividi

Come calcolare il giusto compenso per una collaboratrice domestica? Ecco quanto stabilito dal CCNL per le assistenti familiari.

Quanto pagare una colf o una badante?

Le famiglie che hanno bisogno di un aiuto per le pulizie di casa, o anche per l’assistenza di una persona anziana, possono ricorrere alle prestazioni offerte da una collaboratrice domestica, come la colf o la badante.

Un aiuto importante, che deve essere regolarizzato e ben pagato tenendo conto quanto stabilito dal CCNL di riferimento. È di questo, infatti, che bisogna tener conto quando si decide quanto pagare una colf o una badante.

Per regolarizzare l’assunzione di una collaboratrice domestica fino a qualche tempo fa si utilizzavano i voucher, ma questi sono stati eliminati dopo la richiesta di referendum sul Jobs Act presentata dalla CGIL.

Al posto dei voucher lavoro è stato introdotto il “Libretto Famiglia”, uno strumento composto da titoli di pagamento del valore di 10€ l’uno da utilizzare per massimo un’ora di impiego della collaboratrice domestica.

Di questi 10€, non tutti entrano nelle tasche della lavoratrice, poiché questi sono così suddivisi:

  • € 8,00 per il compenso a favore del prestatore;
  • € 1,65 per la contribuzione alla Gestione separata INPS;
  • € 0,25 per il premio assicurativo INAIL;
  • € 0,10 per il finanziamento degli oneri di gestione della prestazione di lavoro occasionale e dell’erogazione del compenso al prestatore.

Già da questa suddivisione, quindi, possiamo capire qual è il giusto compenso per una collaboratrice domestica, l’importo minimo da garantire per rientrare nei limiti previsti dalla legge.

Ma vediamo nel dettaglio cosa stabilisce il CCNL per le assistenti familiari in merito al tariffario di una colf e una badante e le differenze a seconda della tipologia di impiego.

Giusto stipendio per colf e badanti: come si calcola?

Prima di vedere quali sono i criteri per stabilire quanto pagare una colf o una badante ricordiamo che l’assunzione deve essere sempre regolata da un contratto, o comunque da uno strumento - come il Libretto Famiglia - riconosciuto dal nostro ordinamento.

Le sanzioni per il lavoro in nero, infatti, sono molto severe. Lo stesso lavoratore, d’altronde, deve pretendere di essere assunto con regolare contratto, così da essere tutelato in caso di infortuni e malattia.

A questo punto approfondiamo quanto previsto dal CCNL per le assistenti familiari, indicando i minimi tabellari per la retribuzione minima.

Ricordiamo che il datore di lavoro e il dipendente non possono concordare una retribuzione più bassa di quella stabilita dal CCNL; in tal caso infatti il contratto di lavoro sarebbe comunque valido, ma una volta terminato il rapporto di lavoro la colf - o la badante - potrebbe chiedere l’integrazione retributiva.

Per questo motivo quando si assume una collaboratrice domestica bisogna tener presenti le seguenti tariffe:

  • collaboratrici domestiche impiegate per almeno 8 ore al giorno: lo stipendio va dai 5,32€ alle 8€ l’ora;
  • collaboratrici domestiche impiegate part-time, per un massimo di 4 ore al giorno: stipendio va dai 7€ ai 9€ l’ora.
  • badanti conviventi: impiegate quindi con reperibilità h24, per uno stipendio mensile che va dai 733,33€ ai 1.350,88€ mensili. Naturalmente in questo caso sono compresi vitto e alloggio.

Oltre allo stipendio, il datore di lavoro privato deve versare i contributi all’INPS e questo dipende dalla tipologia di contratto utilizzata per l’assunzione. Nel caso del Libretto Famiglia, ad esempio, a fronte di uno stipendio pari ad 8€ l’ora, ne vengono versati 1,65€ all’INPS.

Prima di concludere ricordiamo che la badante assunta con contratto part-time o full-time ha gli stessi diritti degli altri lavoratori dipendenti (TFR, tredicesima, ferie e permessi). Per quanto riguarda le ferie, queste hanno diritto ad un mese retribuito ogni anno, più un giorno e mezzo di riposo garantito a settimana. Per le badanti conviventi, inoltre, è riconosciuto il diritto di 2 ore di libera uscita ogni giorno.

Iscriviti a Money.it