Autonomi Gestione separata INPS, estese le tutele per malattia e degenza

Estese le tutele per malattia e degenza ospedaliera in favore dei lavoratori autonomi iscritti alla Gestione separata INPS. La novità, introdotta dal Decreto Legge tutela lavoro e crisi aziendali, è operativa dal 5 settembre 2019.

Autonomi Gestione separata INPS, estese le tutele per malattia e degenza

Semplificate le tutele per malattia e degenza ospedaliera per gli autonomi iscritti alla Gestione sperata INPS.

Per tali soggetti le novità introdotte dal Decreto crisi aziendali sono due:

  • l’indennità giornaliera di malattia e l’indennità di degenza ospedaliera sono corrisposte purché i lavoratori interessati abbiano versato alla predetta gestione previdenziale almeno un mese di contributi nei 12 mesi precedenti la data di inizio dell’evento o di inizio del periodo indennizzabile. In pratica, si riduce da 3 a 2 le mensilità di contribuzione necessarie nel predetto periodo;
  • l’indennità di degenza ospedaliera è aumentata del 100%. Di conseguenza è aggiornata anche la misura dell’indennità giornaliera di malattia.

Le novità, riepilogate dall’INPS con la Circolare n. 141 del 19 novembre 2019, sono state introdotte dal Decreto Legge n. 101/2019 (cd. “D.L. tutela lavoro e crisi aziendali”), convertito con modificazioni in L. n. 128/2019, e si applicano a decorrere dal 5 settembre 2019.

Pertanto, gli eventi di malattia e le degenze ospedaliere iniziate precedentemente, anche se ancora in corso alla citata data, ricadono nell’ambito di applicazione della previgente normativa.

Autonomi Gestione separata INPS, le novità del Decreto tutela lavoro e crisi aziendali

L’indennità di malattia, in origine prevista solo per i lavoratori subordinati, è stata nel corso degli anni progressivamente ampliata anche ad altre categorie di lavoratori.

Dopo qualche anno dall’introduzione della L. n. 335/1995 (cd. ”Legge Dini”), l’INPS ha deciso di ampliare la predetta tutela anche a tutti i lavoratori iscritti alla Gestione separata INPS, di cui all’art. 2, co. 26, della L. n. 335/1995, non iscritti ad altra forma previdenziale obbligatoria e non titolari di pensione.

Le modifiche recentemente introdotte, che approfondiremo nel dettaglio nelle righe successivo, riguardano tutte le categorie di lavoratori iscritti alla predetta Gestione con aliquota contributiva piena.

Malattia e degenza ospedaliera Gestione separata INPS: quando spetta l’indennità

Per accedere alle tutele in argomento è necessario soddisfare due requisiti: uno contributivo (che il D.L. n. 101/2019 ha modificato) e l’altro reddituale (rimasto invariato).

Nello specifico, le indennità di malattia e di degenza ospedaliera, per gli eventi verificatisi a decorrere dal 5 settembre 2019, vengono riconosciuti se:

  • nei 12 mesi precedenti l’evento risulti attribuito, cioè accreditato, almeno un mese di contribuzione nella Gestione separata INPS;
  • nell’anno solare che precede quello in cui è iniziato l’evento, il reddito individuale, assoggettato a contributo, presso la Gestione separata INPS non sia superiore al 70% del massimale contributivo (102.543 euro per l’anno 2019).

Autonomi Gestione separata INPS, importo delle prestazioni

L’importo delle prestazioni si differenziano a seconda che si tratti di degenza ospedaliera o indennità di malattia.

Nel primo caso, i cui importi sono stati rivalutati al 100% come previsto dal D.L. n. 101/2019, l’indennità, per ogni giornata indennizzabile, corrisponde a:

  • 44,95 euro (16%), in caso di accrediti contributivi da 1 a 4 mesi;
  • 67,43 euro (24%), in caso di accrediti contributivi da 5 a 8 mesi;
  • 89,90 euro (32%), in caso di accrediti contributivi da 9 a 12 mesi.

Per l’indennità di malattia, invece, la misura della prestazione è pari al 50% dell’importo corrisposto a titolo di indennità per degenza ospedaliera a favore dei lavoratori iscritti alla Gestione separata INPS. Quindi, l’importo è pari a:

  • 22,48 euro (8%), se nei 12 mesi precedenti l’evento risultano accreditate da 1 a 4 mensilità di contribuzione;
  • 33,71 euro (12%), se nei 12 mesi precedenti l’evento risultano accreditate da 5 a 8 mensilità di contribuzione;
  • 44,95 euro (16%), se nei 12 mesi precedenti l’evento risultano accreditate da 9 a 12 mensilità di contribuzione.

Infine, ricorda l’INPS, in caso di lavoratori autonomi sottoposti a trattamenti terapeutici di malattie oncologiche, o di gravi patologie cronico-degenerative ingravescenti o che comunque comportino una inabilità lavorativa temporanea del 100%, l’importo è equiparato alla degenza ospedaliera.

Inps circolare n. 141 del 19 novembre 2019
Clicca qui

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories