Gerard Piqué: “In banca ho più soldi dell’Espanyol”

Il giocatore del Barcellona Gerard Piqué stuzzica i rivali dell’Espanyol. Il calcio però è solo una minima parte del suo impero economico

Gerard Piqué: “In banca ho più soldi dell'Espanyol”

Il difensore del Barcellona Gerard Piqué stuzzica l’Espanyol in vista del derby di domani pomeriggio: “Nel mio conto in banca ho più soldi di quelli che l’Espanyol ha nel suo bilancio annuale. Quindi più di 57 milioni di euro”.

Una provocazione che non stupisce, visto che il difensore spagnolo non è nuovo a dichiarazioni del genere. Piqué, nel corso dell’intervista rilasciata al programma tv “La Resistencia”, ha poi anche punzecchiato l’altra rivale di sempre: il Real Madrid.

Battute e provocazioni a parte, Gerard Piqué nel corso degli anni ha costruito un vero e proprio impero economico, di cui il calcio ne rappresenta solo una piccola parte.

Gerard Piqué e il suo impero economico

Come moltissimi sportivi e suoi colleghi calciatori, Gerard Piqué è un imprenditore affermato. Il difensore del Barcellona è il fondatore e presidente della società di investimenti Kosmos.

Con essa e grazie all’alleanza con il presidente del colosso Rakuten, Hiroshi Mikitani, si è aggiudicato per 3 miliardi di dollari la gestione della nuova Coppa Davis di tennis per i prossimi 25 anni.

Un’operazione che ha permesso a Piquè anche di cambiare la formula del torneo. Dalla prossima edizione infatti la competizione si svolgerà in una sede unica, in una sola settimana e vedrà sfidarsi 18 nazionali.

Non è un caso se nel 2016 Rakuten e Barcellona hanno dato vita al secondo contratto di sponsorizzazione più ricco del mondo calcio. Il colosso giapponese per essere main sponsor della maglia blaugrana versa nelle casse del club spagnolo 55 milioni di euro l’anno per quattro anni.

Ma non è tutto. Il difensore classe ‘87 ha concentrato i suoi affari anche nei videogiochi, prima fondando EMR, una eSport company per la produzione di contenuti multimediali di sport e poi lanciando la fondazione di eFootball.Pro.

Quest’ultima è forse l’iniziativa più originale, perché è nata in accordo con il colosso Konami per costruire un canale di comunicazione tra gli eSports e il gioco Pro Evolution Soccer.

Cambiando settore c’è poi Kypers, azienda specializzata in ottica low-cost che da circa quattro anni è di proprietà della famiglia Piqué. Poi c’è Natrus, una marca di hamburger di cui Piqué possiede circa un quarto delle quote e 426 Miles, una bevanda isotonica naturale al 100% pensata con l’ex compagno Puyol per l’idratazione degli sportivi.

Il suo fiuto imprenditoriale lo rende anche una persona di spicco all’ Università di Harvard. Durante le vacanze estive frequenta master in business applicato allo sport, dove spesso è proprio lui a tenere le lezioni.

Dal punto di vista calcistico invece, Gerard Piqué riceve dal Barcellona uno stipendio da 20 milioni di euro. E infine va ricordato che lui non è l’unico imprenditore della famiglia, perché al suo fianco c’è una delle cantanti più ricche e famose del mondo: Shakira.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories