Gas in rally, petrolio in calo: cosa succede al settore energia

Violetta Silvestri

22/08/2022

22/08/2022 - 10:34

condividi

Il settore energia ancora in primo piano: i prezzi del gas nel benchmark europeo corrono verso i 270 euro per megawattora. Il prezzo del petrolio arretra guardando all Iran.

Gas in rally, petrolio in calo: cosa succede al settore energia

Settore energetico sotto i riflettori con i prezzi di gas e petrolio in movimenti contrari.

Mentre il greggio è in calo nella prospettiva di una maggiore offerta iraniana e di crescita economica indebolita, il gas corre e segna nuovi picchi massimi. La Russia prevede di chiudere un importante gasdotto per lavori, una mossa che potrebbe mettere a repentaglio l’economia della regione, già in difficoltà.

Prezzi del gas in rally:

Il gas apre la settimana in piena corsa e viaggia sui 271 euro a megawattora nel benchmark di Amsterdam.

I futures sono balzati fino al 13%, dopo aver chiuso a un livello record venerdì. Il principale gasdotto Nord Stream si fermerà per tre giorni di manutenzione il 31 agosto, sollevando ancora una volta preoccupazioni sul fatto che il collegamento non tornerà in servizio come previsto dopo i lavori. L’Europa è stata bloccata sulle spedizioni attraverso il collegamento per settimane, con flussi che sono ripresi solo a livelli molto bassi dopo la chiusura dei lavori il mese scorso.

Il contratto del primo mese olandese, il benchmark europeo, è salito dell’11% a 270,98 euro al megawattora alle 9:03 ad Amsterdam. È aumentato per la quinta settimana consecutiva venerdì, il periodo più lungo di quest’anno.

Intanto, la Germania ha anche avvertito che Mosca potrebbe ridurre ulteriormente le forniture e ha ribadito la richiesta di risparmiare energia. “Abbiamo un inverno molto critico davanti a noi”, ha detto il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck all’emittente pubblica ZDF a Montreal, durante una visita in Canada con il cancelliere Olaf Scholz. “Dobbiamo aspettarci che Putin riduca ulteriormente il gas”. Non a caso, il Paese potrebbe ancora ricorrere alle centrali nucleari.

Perché il petrolio crolla

Alle ore 9.56 circa, il Brent perde l’1,78% a 95,00 dollari al barile e la quotazione WTI scivola a 88,69 dollari al barile, con un ribasso dell’1,83%.

Il presidente Joe Biden ha parlato domenica con i leader di Francia, Germania e Regno Unito per rilanciare un accordo nucleare con l’Iran, che potrebbe portare a un aumento dell’offerta da parte del produttore OPEC. “L’equilibrio globale per il resto dell’anno non è così stretto come molti si aspettavano, con l’offerta russa che resiste bene”, ha affermato Warren Patterson, responsabile della strategia delle materie prime per ING Groep NV. “Sebbene l’Iran possa impiegare diversi mesi per riportare la produzione ai livelli pre-sanzione in caso di accordo, a breve termine dovrebbe essere comunque in grado di aumentare le esportazioni facendo affidamento sullo stoccaggio”.

“I crescenti timori per un rallentamento economico globale sono alla base del calo dei mercati petroliferi. Un dollaro USA più alto ha anche spinto a nuove vendite”, ha affermato Tatsufumi Okoshi, economista senior di Nomura Securities.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.